Ucraina: la NATO inserita addirittura nella Costituzione

Global Research

Il giorno dopo la firma del protocollo di adesione della NATO con la Macedonia settentrionale come 30° membro, l’Ucraina ha fatto qualcosa senza precedenti: includeva nella sua Costituzione l’impegno di entrare ufficialmente nella NATO e nell’Unione europea allo stesso tempo.

Il 7 febbraio, su una proposta del presidente Petro Poroshenko – l’oligarca che si è arricchito saccheggiando proprietà pubbliche, e che è ancora una volta candidato alla presidenza – il parlamento di Kiev, con 34 voti favorevoli, 35 contrari e 16 astensioni, ha approvato questi emendamenti alla Costituzione.

L’Introduzione pronuncia “il movimento irreversibile dell’Ucraina verso l’integrazione euro-atlantica”; gli articoli 85 e 116 affermano che è un dovere fondamentale del parlamento e del governo “ottenere la piena adesione dell’Ucraina alla NATO e all’UE”; L’articolo 102 stabilisce che “il Presidente dell’Ucraina è il garante delle decisioni strategiche dello Stato volte ad ottenere la piena adesione alla NATO e all’UE”.

L’inclusione nella costituzione ucraina dell’impegno a entrare ufficialmente nella NATO porta con sé conseguenze molto gravi.

Al suo interno, allontana un futuro diverso dell’Ucraina da questa scelta, escludendo qualsiasi alternativa, e bandisce di fatto qualsiasi partito o persona che possa opporsi alle “decisioni strategiche dello stato”.

Il merito di aver introdotto nella costituzione ucraina l’impegno di entrare ufficialmente nella NATO spetta in particolare al presidenteparlamentare Andriy Parubiy .

Capo delle formazioni paramilitari che furono usate nel 2014 durante il putsch di Place Maidan sotto il comando USA / NATO, e nel massacro di Odessa; capo del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, che, con il battaglione Azov e altre unità, hanno attaccato civili ucraini di nazionalità russa nella parte orientale del paese e ha usato i suoi squadroni per atti di feroce abuso.

A livello internazionale, dovremmo tenere presente che l’Ucraina è già legata alla NATO, di cui è partner: ad esempio, il Battaglione Azov, è stato trasformato in un reggimento di operazioni speciali, equipaggiato con veicoli corazzati e addestrato da istruttori statunitensi della 173a divisione aviotrasportata, trasferito in Ucraina da Vicence e distaccato da altri membri della NATO.

Poiché la Russia è stata accusata dalla NATO sulla Crimea e di avviare operazioni militari contro Kiev, se l’Ucraina dovesse aderire ufficialmente alla NATO, gli altri 30 membri dell’Alleanza, sulla base dell’articolo 5, sarebbero obbligati ad “assistere il partito” o parti sotto attacco, adottando immediatamente, individualmente e in accordo con le altre parti, ogni azione che ritenga necessaria, incluso l’uso della forza armata “.

In altre parole, dovrebbero andare in guerra con la Russia.

Queste pericolose implicazioni della modifica della Costituzione ucraina – dietro la quale ci sono sicuramente le strategie degli Stati Uniti e della NATO – hanno incontrato il silenzio politico e mediatico. Compreso quello del parlamento italiano, che nel 2017 ha stabilito un accordo con il parlamento ucraino, sostenuto da Laura Boldrini e Andriy Parubiy. Così è stata rafforzata la cooperazione tra la Repubblica italiana, e un regime che ha creato in Ucraina una situazione che di democratico non ha nulla, per il volere USA.

Precedente Netanyahu conferma l'ultimo attacco israeliano in Siria Successivo L’obiettivo dell’oligarchia è il dominio, non la crescita. Siamo ridotti a uomini-merce da rimpiazzare velocemente