Iglesias: Madrid ammette in privato “l’errore” di riconoscere Guaidó

Il partito spagnolo Podemos condanna il tentativo di golpe del Venezuela e accusa Juan Guaidó di voler “un bagno di sangue con un intervento americano”

HISPANATV

“Guaidó non vuole elezioni libere, vuole un colpo di stato che provocherà l’intervento di Donald Trump e un bagno di sangue per il Venezuela”, ha detto Pablo Iglesias alla stampa durante la marcia tenutasi a Madrid, capitale della Spagna, per il giorno dei Lavoratori internazionali.

Il leader della formazione viola ritiene che il governo abbia “commesso un errore riconoscendo” il 4 febbraio, Juan Guaidó come “presidente in carica” ​​del Venezuela dopo la sua auto-proclamazione il 23 gennaio, e ha dichiarato che nel ministero degli Esteri  ammettono ” in privato “quello” è stato davvero un errore riconoscere un presidente che non vuole chiamare libere elezioni “.

Iglesias ha espresso sostegno per la posizione sul Venezuela dell’ex primo ministro spagnolo Jose Luis Rodriguez Zapatero, che in questi anni ha portato una mediazione internazionale tra il governo e l’opposizione. “Il dialogo tra i venezuelani e una soluzione democratica”, ha sottolineato il leader del Podemos parafrasando Zapatero.

Nelle prime ore del martedì, un gruppo di soldati si è ribellato al governo di Nicolás Maduro e in favore dell’autoproclamato “presidente in carica” ​​Guaidó, e ha aiutato a  fuggire dai suoi arresti domiciliari il noto avversario Leopoldo López . Poco dopo, Guaidó e López hanno invitato i venezuelani a “uscire insieme per la strada” per sostenere i disertori.

Ore dopo l’annuncio del colpo di stato, il Ministero della Difesa venezuelano ha annunciato la sconfitta dell’azione violenta e la determinazione delle Forze armate nazionali bolivariane (FANB) a  difendere  la Costituzione e le autorità legittime.

Gli Stati Uniti e la Colombia sono stati i primi a  sostenere la rivolta contro Maduro  e hanno invitato i militari del FANB a unirsi a Guaidó, ma il corpo ha gettato la trama e assicurato il suo sostegno al legittimo presidente del paese.

Dall’auto-proclamazione di Guaidó, gli USA hanno indurito la campagna di pressione economica contro il Venezuela a sostegno del summenzionato colpo di stato contro Maduro, e hanno perfino minacciato la nazione sudamericana con un’aggressione militare . 

Precedente La Russia accusa gli Elmetti Bianchi di rubare organi umani in Siria Successivo L'economista Chossudovsky: la NATO senza disinformazione sarebbe crollata come un castello di carte