Brasile: “Boss”, il cane antidroga che ha una taglia sulla sua testa! 

Rio de Janeiro – Tutti lo chiamano Boss ed è il nemico numero uno dei narcos di Rio. Ha eseguito blitz nelle favelas più pericolose della città, scoprendo quintali di sostanze stupefacenti ed armi.  Non stiamo parlando di un agente speciale della narcotici, ma di un labrador di cinque anni dal manto scuro in forza al “Battaglione operazioni cinofile”.

Boss

Boss

Boss con il suo olfatto da record ha mandato per aria i piani di parecchi trafficanti e, dopo l’ultima retata in cui ha individuato ben 300 kg di marijuana, è entrato nella lista nera della criminalità organizzata, subendo addirittura vere e proprie minacce di morte. “Dobbiamo sparare a quel maledetto cane”, si sente in un dialogo tra narcos intercettato dalla polizia.

Screenshot_2016-08-26-18-02-54-1

Le minacce non hanno spaventato l’unità cinofila, che ha però rinforzato le misure di sicurezza per evitare che Boss possa essere vittima di un’imboscata. Intanto il labrador poliziotto continua a scodinzolare per le vie più pericolose della città carioca, incurante dei rischi, a caccia di droga, armi ed esplosivi: «Per lui è un divertimento – spiega Vítor Vale, vicecomandante del battaglione -. E’ senza dubbio il migliore dei nostri agenti a quattro zampe. Il suo naso è infallibile: non esiste nascondiglio capace di ingannarlo».

Con Boss lavorano altri 68 colleghi a quattro zampe, con una giornata lavorativa di 6 ore. Il giorno successivo a quello di servizio viene lasciato libero per il riposo, il gioco e le eventuali cure dei veterinari.

Come premio per gli ultimi “stupefacenti” sequestri compiuti, Boss ha ricevuto in premio una compagna di pattuglia, ”Bombom”, ed è ora divenuto in Brasile una vera e propria celebrità.

I commenti sono chiusi.