Terremoto, il senatore D’Anna: “Dove sta scritto che lo Stato deve concorrere alla ricostruzione delle case?”

Il senatore D’Anna a proposito del terremoto ha espresso il suo fastidio nei confronti di chi chiede continuamente interventi da parte dello Stato°°

Vincenzo D’Anna, senatore di Ala, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Il senatore D’Anna a proposito del terremoto ha espresso il suo fastidio nei confronti di chi chiede continuamente interventi da parte dello Stato: “Noi siamo un popolo strano, invece di ringraziare e di predisporsi all’apprezzamento delle cose che ci vengono date, iniziamo a richiederle con maggiore insistenza e maggiore velocità, dimenticando che quelle cose in punta di diritto non ci spettano. Va bene che calamità naturale debba costringere lo Stato oltre a sobbarcarsi i soccorsi, l’aiuto alle popolazioni, la ricostruzioni di scuole, strade e acquedotti, oltre all’intera rete degli uffici e dei servizi pubblici, ma è passata dall’80 in poi anche l’idea che lo Stato debba contribuire, se non farsi carico per intero, anche alla ricostruzioni delle abitazioni civili. Questo ha portato ad intendere che lo Stato ha il dovere di dare queste cose. Così nascono una serie di polemiche da parte di persone che hanno voluto decidere insieme ai sindaci di rimanere a quelle altitudini sotto le tende, perché si sapeva che le casette di legno che loro avevano richiesto ci sarebbe voluto qualche mese per ottenerle, non hanno voluto i container, non si sono voluti trasferire con una diaria garantita dallo Stato presso parenti e non si sono voluti trasferire nei grandi alberghi del litorale pescarese. Poi arriva la nevicata storica e dicono che sono sotto alla neve con le tende. E’ la logica conseguenza di una scelta che hanno fatto le popolazioni con i sindaci, non vedo perché si debbano dare su questo responsabilità al Governo. E poi mi dovete dire dove sta scritto che lo Stato deve concorrere alla ricostruzione delle civili abitazioni. Lo Stato dovrebbe fare un’altra cosa, obbligare le persone a fare delle assicurazioni e dedurre dalle dichiarazioni dei redditi questi importi. L’italiano attraverso il Movimento Cinque Stelle ha trovato una sponda salvifica, perché l’italiano vuole sempre che siano gli altri a riformarsi e a moralizzarsi, ma non vuole mai veder toccato il proprio formaggio. Voi sapete quanto prende oggi un parlamentare dopo cinque anni di vitalizio? 900 euro al mese. Ma non ne parla nessuno, parlano solo dei vecchi vitalizi”.

Precedente Cari giovani, ogni volta che aumenta il debito vi rubano un pezzo di futuro Successivo India: laboratorio mondiale per la demonetizzazione forzata

8 thoughts on “Terremoto, il senatore D’Anna: “Dove sta scritto che lo Stato deve concorrere alla ricostruzione delle case?”

  1. MARINO il said:

    ECHE CAVOLO VOI SO PURE TROPPE 900 EURO AL MESE PER UNO CHE PER 5 ANNI NON A FATTO UN CAVOLO

    • alberto il said:

      gli italiani hanno avuto la possibilita di leversi queste sanguisughe ma hanno votato NO per l’abolizione del senato

  2. giuseppe il said:

    Questo schifoso dovrebbe essere ammazzato pubblicamente, gli vorrei dire solo questo, lercio bastardo, parassita viscido e insignificante, dov’è scritto che noi cittadini dobbiamo pagare più del 50% dei nostri guadagni in tasse per mantenere te e gli altri schifosi vermi, ladri e accattoni che stanno nel parlamento Italiano , se poi non abbiamo diritto nemmeno ai più elementari diritti di una società civile?? spero tanto che una brutta malattia ti porti via al più presto schifoso!!!!

  3. Cristo1985 il said:

    Da portarlo ai cannibali e ridere mentre lo squartano! Occhio anche a tutti del PD.

  4. GIOVANNA il said:

    E dove sta scritto che io debba pagare l’ IMU,una casa mia che io puntualmente devo pagare il Pizzo allo Stato!!!!!!Me l’ha data lo Stato la casa,ha sudato sangue esso x avere un tetto,si è andato a spaccare le mai lui x costruirla????Ma a stu ignorante chi gliela ha data la poltrona?????

  5. Giovanni il said:

    Brutto stronzo: tu 900 € al mese, dopo 5 anni da parlamentare con uno stipendio mensile di10/12 mila € nette; io a 65 anni con una pensione di 1300 € lorde, dopo 44 anni di contributi, facendo il medico di guardia medica, con uno stipendio mensile di circa 2000 € (senza tredicesima), lavorando solo di notte e durante i festivi. Ma vattene affanculo… con tutto il cuore, MMMERDA !

  6. Antonio Palumbo il said:

    E UN VIGLIACCO E LUO VIVE CINE GRANDE SGNORE CON NOSTRI SOLDI. NON MERITA REPRECENTARCI

I commenti sono chiusi.