Stati e mafie trattano da sempre, assolviamo il politico Mancino e proteggiamo il latitante Messina Denaro

«Colpevoli per essere scesi a patti con Cosa Nostra. Colpevoli per aver trattato in nome di uno Stato che mai avrebbe dovuto trattare». Così Saverio Lodato definisce la storica sentenza del tribunale di Palermo sulla famigerata trattativa Statomafia che inguaia Marcello Dell’Utri (condannato a 8 anni), braccio destro di Berlusconidalla fondazione di Forza Italia. Gli imputati eccellenti, esponenti dello Stato – scrive Lodato su “Antimafia Duemila” – sono colpevoli di avere fatto pervenire a Silvio Berlusconi e al suo governo le richieste avanzate dalla mafia per porre fine allo stragismo del biennio ‘92-93. «Colpevoli, in altre parole, di intelligenza con il nemico». Pene pesantissime anche per Mario Mori, allora a capo del Ros, e per Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, cioè «i carabinieri che aprirono il canale con Cosa Nostra», onde far pervenire al governo Berlusconi i “desiderata” dei killer stragisti. L’avvocato Gianfranco Pecoraro, alias Carpeoro, non si unice però al trionfalismo della stampa antimafia. Intanto, osserva, è stato assolto un referente politico di primo piano come l’ex ministro dell’interno Nicola Mancino, esponente del centrosinistra: «Come al solito – dichiara Carpeoro – le inchieste giudiziarie italiane hanno obiettivi sensibili e obiettivi non sensibili. E così è andata».

Quello di Palermo, scrive Lodato, era un processo che faceva paura: «Lo si capiva dall’isolamento che per anni e anni aveva circondato quella che era diventata la figura simbolo di questo processo, il pubblico ministero Nino Di Matteo». Per Carpeoro, Nicola Mancinoin live streaming su YouTube con Fabio Frabetti di “Border Nights”, la clamorosa sentenza palermitana certifica solo che «c’è stata probabilmente una trattativa come ce ne sono state migliaia, in tutto il mondo, tra gli organi di polizia, i servizi segreti e le associazioni criminali». Trattative purtroppo “ordinarie”, che l’ipocrisia del potere polico non può ammettere: patti segreti, «diretti a gestire determinati momenti di particolare tensione», in Italia anche con drammatici risvolti terroristici. «Credo che l’unico politico coinvolto sia stato assolto», dichiara Carpeoro, riferendosi a Mancino. «Una trattativa condotta a livello Ros (e probabilmente servizi segreti) non avrebbe potuto non coinvolgere il ministro degli interni», sostiene l’avvocato, massone iper-critico verso la massoneria, già a capo della più antica comunione massonica del Rito Scozzese italiano nonché autore dello scomodo saggio “Dalla massoneria al terrorismo” (Revoluzione, 2016).

Statomafia e massoneria? Un fior d’investigatore come il giudice Nicola Gratteri, in prima linea contro la ‘ndrangheta, ha parlato di «magistrati ancora in servizio che intrallazzano con il poteremafioso massonico». Gratteri? «Una volta indagava inCarpeorogrande silenzio, adesso insegue obiettivi anche di comunicazione», rileva Carpeoro, ricordando che – quand’era a capo della sua obbedienza massonica (da lui stesso poi disciolta) – ne vietava espressamente l’ingresso a magistrati ed esponenti delle forze dell’ordine, proprio per evitare di suscitare il sospetto di contiguità improprie. Per lo stesso motivo, aggiunge Carpeoro, l’accesso ai politici era consentito a una condizione: che dichiarassero apertamente la loro identità massonica. Nessuna meraviglia, aggiunge Carpeoro, se il mafioso si rivolge alla politica: anche il “Padrino”, il protagonista del romanzo di Mario Puzo e della leggendaria saga cinematografica «sa di non essere libero, perché anche lui deve rispondere al potere». Oggi il “boss dei boss” è Matteo Messina Denaro, «un mafioso 2.0 che certo non sta più chiuso in una cantina a mangiarsi caciotte». Ma attenzione, «il suo potere è forte in Sicilia, molto meno sui mercati internazionali». E’ protetta, la sua latitanza? «Non c’è dubbio».

Fonte Libre

Precedente Salvate 16 varietà di grani antichi siciliani dai ‘pirati’ del brevetto Successivo Alberto Negri: "L'occidente ha così paura dell'Iran per questa semplice ragione"

Lascia un commento

*