Spiare i cittadini americani dal cielo, coi droni: i segreti della Nga

Spiare i cittadini a casa loro, attraverso droni. Potrebbe essere la vera missione della misteriosa Nga, struttura-ombra di intelligence creata da Obama per effettuare sanguinosi bombardamenti aggirando il controllo democratico del Congresso. «E’ facile credere che questa potente agenzia di spionaggio possa ottenere carta bianca per fare ciò che vuole, qualora Trump si accorgesse di averne il potere. Dopotutto, chi farà pressione sul Congresso per fermarlo?». In un’analisi su “TheAntiMedia” ripresa da “Come Don Chisciotte”, Alice Salles sostiene che la nuovissima National Geospatial-Intelligence Agency, definita «un’oscura agenzia di spionagggio su cui l’ex presidente Barack Obama si è arrovellato sin dal 2009», faccia impallidire le rivelazioni-bomba di Edward Snowden sullo spionaggio “domestico” di massa allestito dalla Nsa. La Nga, che coordina l’attività dei droni Usa in tutto il mondo, è diventata sempre più importante, data «la passione di Obama» per i bombadamenti-fantasma, dal cielo, non autorizzati dal Parlamento ma direttamente dalla Casa Bianca. E ora «ci si aspetta che il presidente Trump esplori ulteriormente le opportunità offerte da questa rete di sorveglianza da miliardi di dollari», inserita – come la stessa Cia – sotto il comando del Dod, il dipartimento della difesa.

Il quartier generale dell’Nga è più imponente di quello della Cia, aggiunge la Selles: nel 2011, al completamento dell’opera, è costato 1,4 miliardi di dollari, cui si aggiunge un’altra mega-somma (1,7 miliardi) per strutture supplementari, a St. Louis. «Nel Drone-spiagodersi il budget aggiuntivo che Obama le ha fornito, la Nga è diventato uno dei servizi segreti più oscuri proprio perché si basa sull’operatività dei droni», scrive Selles. «In quanto organo di governo che ha un solo compito – analizzare le immagini e i video catturati dai droni in Medio Oriente – la Nga è molto potente». Ma allora, «perché non ne abbiamo sentito parlare prima?». Semplice: perché il “compito” non è mai stato limitato al solo Medio Oriente. Se finora non è stata al centro di scandali, aggiunge l’analista, è solo perché – finora, per quanto se ne sa – ha evitato di puntare le telecamere sul suolo americano. Ma la tendenza non è rassicurante: di recente, la Nga «ha dato alla Cia il potere di condurre una guerra segreta tramite droni, nascondendo importanti informazioni su tali operazioni». Come? «Semplicemente, permettendo all’agenzia di svolgere missioni senza prima chiederne l’autorizzazione al Pentagono». Se ora Trump volesse far spiare gli americani, sarebbe pronto l’alibi della “sicurezza nazionale”, minacciata dai “terroristi”.

La Casa Bianca, aggiunge Selles, ha espresso il desiderio di rinnovare i poteri di spionaggio dell’era Obama «anche per controbattere i critici che negano la veridicità delle dichiarazioni del presidente sulle intercettazioni delle sue conversazioni assieme a quelle di cittadinistranieri sotto sorveglianza nel 2016». Ma intanto, un rapporto del Pentagono (marzo 2016) rivela che i droni «sono già stati utilizzati a livello nazionale in circa una ventina di occasioni, tra il 2006 e il 2015». Anche se alcune di queste operazioni riguardavano calamità naturali, operazioni della Guardia Nazionale e missioni di soccorso e recupero, «c’è anche il riferimento alla revisione di un articolo di legge sull’Air Force». Secondo il colonnello Dawn Zoldi, la tecnologia progettata per spiare obiettivi all’estero potrebbe presto essere utilizzata anche contro i cittadini americani. «Man mano che questo guerre si esauriranno – spiega il report – quelle risorse diverranno disponibili come supporto ad altri comandi Dawn Zoldi, colonnellocombattenti (Cocom) o altre agenzie degli Stati Uniti, e la voglia di usarle anche in ambiente domestico per raccogliere immagini in volo continuerà a crescere».

Fino al 2015, la sorveglianza era talmente blanda che le funzionalità offerte dai sistemi con aerei senza pilota del Dod non venivano prese in considerazione da nessuna agenzia. «Senza leggi che specifichino le regole che queste agenzie del governo federale dovrebbero seguire, per chi controlla sarebbe difficile seguire il loro comportamento», osserva Selles. «Ma sarebbe meglio se ci fosse un’agenzia o un ramo dello stesso governo che supervisionasse ciò che il governo stesso sta facendo? La risposta in breve è no». Con il crescente timore che Trump voglia a riorganizzare la Nga, «vengono alla luce storie di dipartimenti nazionali di polizia che utilizzano i droni per spiare la gente del posto». Alcuni casi molto pubblicizzati, scrive Selles, hanno già coinvolto Baltimora e Compton, «dove la polizia locale ha usufruito della tecnologia di sorveglianza aerea senza che sia stato emesso un mandato d’arresto o la richiesta di una autorizzazione alle autorità locali o statali». Grazie a questi predecenti, si teme che Trump possa «innescare una nuova lotta nel suo continuo sforzo di combattere unaguerra contro un immaginario, inesistente nemico. Dopotutto non è estraneo agli scandali e probabilmente non verrebbe preso neanche un po’ da rimorsi qualora decidesse di installare le telecamere ad alta definizione verso i suoicittadini».

da libreidee.org

I commenti sono chiusi.