India: Pepsi e Coca Cola sospettati di sfruttare eccessivamente i fiumi mentre il paese soffre la siccità

Nel Tamil, nell’estremo sud dell’India, due fabbriche di bevande per la Pepsi e la Coca Cola hanno dovuto chiudere temporaneamente per la decisione della Corte d’Appello locale. La giustizia ha accettato la denuncia una associazione che le ha accusate di usare l’acqua del fiume locale per scopi commerciali, mentre la popolazione soffre di una grave siccità da oltre un anno.

screenshot_2016-12-10-01-28-05

 

Piante bibite e coltivatori di riso sono in competizione per l’acqua

Questa siccità è dovuta principalmente alle scarse precipitazioni in questa regione tropicale del Tamil Nadu. La produzione agricola in loco consiste principalmente nel riso, gli agricoltori inondano i loro campi di solito tramite i fiumi o le acque sotterranee. Ma c’è così poca acqua oggi che pochi agricoltori sono stati in grado di piantare il mese scorso. Qualsiasi agricoltura di sussistenza è minacciato, e con esso la sopravvivenza della popolazione.

I due impianti di Pepsi e Coca Cola sono le strutture che consumano più acqua nella regione. Sono in competizione direttamente con gli agricoltori locali per la produzione di bibite e acqua in bottiglia, perché usano le stesse fonti. “Noi non abbiamo nemmeno acqua da bere, non è normale che venga utilizzata per produrre e vendere bibite,” dice un denunciante.

 

L’interesse generale prima dell’interesse commerciale

L’Alta Corte di Madras ha stabilito che era di pubblico interesse proteggere l’accesso di acqua per la popolazione, impedendo la sua commercializzazione da parte delle imprese private. Essa ha pertanto richiesto la rimozione della fornitura d’acqua dei due impianti di Coca Cola e Pepsi fino all’8 gennaio.

Questa non è la prima volta che entrambe le aziende devono affrontare tale opposizione. L’anno scorso nello stesso stato, grandi manifestazioni hanno impedito l’apertura di una fabbrica di Coca Cola. Gli agricoltori temevano che le fonti d’acqua, già a un livello critico, si svuotassero. Il governo locale, anche se aveva già venduto la terra, ha dovuto tornare indietro. Va detto che un quarto del territorio indiano è in fase di desertificazione.

La verità di Ninco Nanco

Precedente 118 MILIONI DI CITTADINI EUROPEI SONO MINACCIATI DALLA POVERTÀ Successivo Professor W. A. Tiller: siamo esseri spirituali rivestiti di un bio-corpo