“GLI UOMINI PASSANO LE IDEE RESTANO”, GRAZIE GIOVANNI

«Gli uomini passano, le idee restano». Sono queste le parole lasciate da Giovanni Falcone.

23 maggio 1992, nel tragitto da Punta Raisi a Palermo, all’altezza dello svincolo autostradale di Capaci, una esplosione di inaudita potenza investe la Fiat Croma blindata su cui viaggia il giudice Giovanni Falcone e le due auto della scorta. Falcone è, insieme a Borsellino, il simbolo della lotta dello Stato alla mafia, e semplificata dal maxiprocesso, che mette alla sbarra i più importanti boss di Cosa Nostra e termina, il 16 dicembre 1987, con la condanna per 360 dei 475 imputati. Nell’esplosione, perdono la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti Rocco Di Cillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro.

Precedente La scienza fisiognomica che creò le due Italie. Successivo Gli Usa vivono in gran parte sulle spalle del resto del Mondo