Francia: Migliaia di manifestanti di nuovo contro la riforma del lavoro

Si sono nuovamente riversati nelle strade di Parigi migliaia di dimostranti per protestare contro la riforma del lavoro, riporta “Le Monde”. I manifestanti hanno scagliato pietre e molotov contro la polizia, che a sua volta ha reagito con i gas lacrimogeni e granate stordenti.

Le manifestazioni di protesta non si svolgono solo nella capitale francese, ma anche in altre regioni. Così, secondo i dati del ministero dell’Interno, a Nantes sono scese in piazza 3.500 persone, a Marsiglia 6.800, a Tolosa 2.300. I dati trasmessi dalle autorità si differenziano da quelli del sindacato “Confederazione Generale del Lavoro”, i cui rappresentanti sostengono che i dimostranti siano molti di più (ad esempio 80mila a Marsiglia). Secondo i sindacati, complessivamente sono scese in piazza 220mila persone in tutta la Francia per l’introduzione degli emendamenti alla legislazione del lavoro.

La rabbia e le preoccupazioni dei cittadini nascono dalla volontà dell’attuale governo di liberalizzare il mercato del lavoro. In Francia già da 2 mesi si registrano scioperi e manifestazioni.

Precedente La libertà di parola non c’entra niente: basta disinformazione sui vaccini in tv (Virus) Successivo Jackfruit, il sostituto della carne che cresce sugli alberi