Crimini di guerra in Yemen. L’ultimo rapporto delle Nazioni Unite travolge l’Arabia Saudita

da L’Antidiplomatico

Un rapporto delle Nazioni Unite che ha indagato dieci attacchi aerei condotti dall’Arabia Saudita in Yemen ha concluso che la maggior parte erano il risultato di un “processo di targeting inefficace” e attacchi deliberati contro obiettivi pacifici.

“In otto dei dieci studi condotti, gli esperti non hanno trovato alcuna prova che gli attacchi aerei fossero finalizzati a colpire obiettivi militari”, ha scritto il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in un recente rapporto sul bombardamento della coalizione araba nello Yemen, a cui Reuters ha avuto accesso.

“Dalle dieci indagini, gli esperti ONU ritengono che sia praticamente certo che la coalizione non ha soddisfatto i requisiti del diritto umanitario internazionale, che richiede proporzionalità e precauzioni negli attacchi [per limitare gli attacchi contro i civili] “dice il rapporto.

Gli esperti ritengono che alcuni degli attacchi possono costituire “crimini di guerra”, riecheggiando le dichiarazioni fatte più volte da osservatori indipendenti a partire dall’inizio del conflitto.

L’ambasciatore dell’Arabia Saudita alle Nazioni Unite Abdullah al-Mouallimi, ha categoricamente respinto i risultati, dicendo che la coalizione araba ha esercitato “massima moderazione” e ha rispettata “rigide regole di ingaggio”.

Il gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha anche confutato la tesi che Teheran fornisca “armi su larga scala” ai ribelli Houthi, sostenendo che non vi erano “prove sufficienti “. Eppure questa è la spiegazione che ha fornito l’Arabia Saudita quando ha deciso di imporre un blocco navale allo Yemen nelle prime fasi del conflitto,

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno fortemente criticato il blocco per il suo “impatto sproporzionato” sui civili, dicendo che il paese è sull’orlo della carestria, il 90% del cibo viene importato. L’organizzazione stima che 14,1 milioni di persone – più di metà della popolazione – soffrono “insicurezza alimentare” e che più di due terzi hanno bisogno di assistenza umanitaria, in condizioni di mancanza di forniture mediche e acqua potabile .

Nonostante le devastanti conclusioni di questa relazione, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno accuratamente evitato di criticare direttamente Riyad, loro alleato nella regione. “Esortiamo tutte le parti a prendere misure per prevenire danni ai civili. La fine del conflitto in Yemen richiede una cessazione duratura delle ostilità e una soluzione politica globale, “ha risposto diplomaticamente il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in un comunicato.

Gli inglesi, dal canto loro, rifiutato di commentare direttamente la relazione che non è ancora ufficiale, spiegando : “Noi prendiamo molto sul serio le accuse di presunte violazioni del diritto umanitario internazionale da parte delle parti in conflitto”

Gli Stati Uniti e il Regno Unito sono i due principali fornitori di armi a Riyad.  Reuters riporta che nel mese di settembre 2016, il Senato degli Stati Uniti ha approvato la vendita di $ 1.15 miliardi di dollari di  attrezzature militari alla Casa dei Saud. Londra si è trovata sotto il fuoco di pesanti critiche un paio di settimane fa, quando è stato stabilito che i sauditi stavano usando bombe a grappolo (particolarmente pericolose per i civili e il cui uso è vietato da una convenzione ) di produzione britannica.

 

da lantidiplomatico.it

Precedente Nuovi Ogm in Europa: l’Italia dice sì e vota a favore Successivo Quando i tiranni sabaudi rasero al suolo la Sardegna