Colombia: scoperto galeone spagnolo, Oro e Gioielli per un valore di centinaia di milioni di dollari

image

Oro e gioielli per un valore di centinaia di milioni di dollari. Questo il bottino ritrovato a bordo di un galeone, datato 1700, rinvenuto a largo delle coste della Colombia. A darne notizia è il presidente del paese sudamericano, Juan Manuel Santos. “Grande notizia, abbiamo ritrovato il galeone San Josè”, ha scritto questa notte su Twitter da Bogotà, scatenando la curiosità del mondo intero.
L’imbarcazione, di origine spagnola, era affondata nel 1708 nel mare dei Caraibi, al largo della costa di Cartagena, vicino alle famose isole Rosario. Faceva parte della flotta del re Filippo V, quando combattè contro gli inglesi nel corso della guerra di successione spagnola. Secondo gli annali storici, il San Josè aveva il compito di riportare in Spagna da Panama un carico che equivarrebbe a ben cinquemila milioni di dollari, tra monete, smeraldi, lingotti d’oro e d’argento.

Già negli anni Ottanta del Novecento alcune aziende di esplorazione iniziarono la ricerca del tesoro. Nel 1982 fu la statunitense Sea Search ad aver rinvenuto il sito del relitto vicino alle isole Rosario, seguendo le rotte indicate dagli studiosi inglesi Eugene Lione e John Cryer, che avevano a loro volta scoperto negli annali dell’esercito britannico notizie sulla famosa battaglia navale che lo vide combattere contro la Spagna nei mari colombiani.

La vicenda è stata ultimamente anche al centro di una vera e propria battaglia legale tra il governo di Bogotà e la Sea Search, che avrebbe guidato il recupero dell’imbarcazione. A vincere, però, sarebbero state proprie le istituzioni colombiane, che hanno decretato il relitto parte del patrimonio nazionale, insieme agli altri 1200 galeoni affondati nel mare dei Caraibi durante il periodo coloniale e non ancora portati alla luce.

Fonte:IlGazzettino.it
Segui la nostra pagina facebook I miei sogni d’Anarchia

Precedente Sai da dove arriva la tua pelliccia vero? Successivo “Volevo farmi prete, ma don C. mi violentò per 8 anni”, Catanzaro.