Cannabis legale in Italia? News

Cannabis
Cannabis

Cannabis legale entro il 2016 è possibile?

Entro dicembre si discuterà nella Camera dei Deputati la legalizzazione della cannabis, la decisione è stata presa dalla conferenza dei capigruppo.

Il numero di firme della proposta di legalizzazione della cannabis è in continua crescita, ad oggi è stata sottoscritta da 220 deputati di forze politiche diverse, la Lega Nord invece, capitanata da Matteo Salvini è contraria alla legalizzazione. Dopo tutti questi anni di proibizionismo ormai è chiaro a tutti che la proibizione ha fallito, la cannabis si trova ovunque e sfugge ad ogni controllo in quanto illegale, la Lega a questo punto dovrebbe aprire gli occhi e vedere la realtà: “non legalizzarla significa non avere il controllo della marijuana che circola, tagliata con sostanze pericolose, venduta a minorenni e soprattutto gli alti guadagni finiscono tutti nelle tasche della criminalità organizzata! Se vogliamo mettere fine a tutto questo scempio la Lega dovrà adeguarsi”.

image
Cannabis verso la legalizzazione

Andiamo a vedere cosa prevede il testo. Nel testo è previsto che i maggiorenni possono detenere fino a 15 grammi di marijuana per uso personale nella propria abitazione e 5 grammi fuori di casa mentre per i minorenni è assolutamente vietato il possesso e il consumo. Si può anche coltivare la cannabis, fino a 5 piante, e detenere il ricavato per uso personale, ed è prevista l’associazione nei cannabis club allestiti senza fini di lucro come già avviene in altri paesi europei tipo Spagna e Olanda. Lo spaccio è assolutamente vietato da leggi più severe. La vedinta è consentita sotto monopolio dalla coltivazione alla vendita al dettaglio, per questa attività sono autorizzati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli anche soggetti privati. Per queste attività che sono soggette al monopolio sono previsti dei principi la cui attuazione è delegata a tre decreti ministeriali. La violazione di tali principi comporta l’applicazione delle norme istituite per combattere la produzione e al traffico illecito della droga.
Per la cannabis terapia invece sono semplificate le modalità di consegna, prescrizione e distribuzione dei farmaci. Il principale obiettivo da raggiungere è quello di migliorare il diritto a curarsi con la cannabis senza gli impedimenti in vigore oggi dettati da vincoli burocratici.
Scontato è il divieto di fumo in luoghi pubblici e negli ambienti di lavoro, pubblici e privati. Sarà possibile fumare solo in spazi privati, sia al chiuso, che all’aperto.
Naturalmente se si fa uso di cannabis non si può guidare! Come per l’alcol sono previste norme e sanzioni dal Codice Stradale in caso di guida sotto l’effetto di tale sostanza.
Una buona parte dei proventi derivati dal mercato legale di cannabis e dalle sanzioni previste per esso, sono destinati a più interventi quali la lotta alla droga, informazione, prevenzione, educazione e riabilitazione.

Paesi dove la cannabis è legale.

Il primo paese è l’Uruguay del presidente (numero uno al mondo) Jose Mujica, dove è pienamente legalizzato l’uso di cannabis. Nel Sud America inoltre anche se non è pienamente legalizzata ci sono la Colombia e il Messico dove la legalizzazione è tutelata da norme molto flessibili.
Seguono gli USA, dove in 14 stati l’uso di droghe leggere è stato depenalizzato e vi sono stati come il Colorado, Washington e Portland dove ormai ne è legale l’uso e la vendita.
Più a nord nel Canada la cannabis è legale solo se per uso medico, si può comunque coltivare in casa se si dimostra che viene utilizzata per finalità curative.
Se andiamo in Russia possiamo tranquillamente farne uso basta non possederne più di 8 grammi addosso, al massimo si rischia una multa, infatti è considerato un crimine soltanto venderla. Si può coltivare fino un massimo di 20 piante ma se vieni scoperto rischi una multa, se superi le 20 piante?? Vai in galera!  Diciamo che il tutto è molto confuso.
Ora passiamo all’europa, l’unico paese che ha depenalizzato la coltivazione, il trasporto, il possesso e l’uso è l’Olanda, ma precisiamo, il tutto e regolato da norme di stato, non puoi svegliarti un giorno e decidere di vendere erba! Perchè rischi anche l’arresto. Poi c’è la Spagna dove puoi tranquillamente conltivarla e fumare in casa, ma non farlo in luoghi pubblici dove l’uso e il possesso è illegale. In Svizzera e in Belgio l’uso e la vendita sono diciamo “illegali” ma si può tranquillamente coltivarla in casa basta non superare il numero di piante previsto dalla legge e il possesso comunque è stato depenalizzato.
Esiste un paese dove tutte le droghe sono legali? Ebbene si! Il Portogallo ha depenalizzato l’utilizzo delle droghe nel 2001 anche se si può essere inviati a centri di riabilitazione o nel peggior dei casi arrestati se ti fai trovare con più di 25 grammi di droga.

Da: la redazione di La Verità di Ninco Nanco

Precedente Il miglior discorso del mondo. José Mujica, ecco l'esempio da seguire. GUARDA IL VIDEO Successivo News Italia: Attentati! Allerta massima per capodanno.