Alcuni Militari britannici sono stati fatti prigionieri dall’esercito siriano nella Ghouta orientale

Un certo numero di militari britannici sono stati fatti prigionieri dall’esercito siriano nella Ghouta orientale, che si erano infiltrati nella regione nell’ambito del complotto americano per attaccare Damasco in collaborazione con i terroristi e le forze della Nato.

Il corrispondente della televisione al-Mayadeen in lingua araba a Mosca ha riferito che un certo numero di forze militari britanniche sono state catturate dall’esercito siriano durante le operazioni militari nella Ghouta orientale. Rapporti precedenti avevano rivelato lo scorso mese che forze militari straniere erano schierate nella Ghouta orientale per lanciare un assalto di terra contro Damasco in cooperazione con gli Stati Uniti.

Gli Usa e Israele pianificarono di lanciare attacchi su Damasco da diversi fronti in collaborazione con la Nato e la Giordania, ma la trama è fallita dopo che rapide e schiaccianti vittorie dell’esercito siriano nella Ghouta orientale. Fonti informate rivelarono che gli Stati Uniti e Israele intendevano sostenere i terroristi nella regione con attacchi aerei in modo da poter catturare vaste aree di Damasco per spianare il terreno al crollo del governo siriano. Dopo che la trama è stata rivelata, i comandanti militari siro-russi hanno iniziato le operazioni nella regione per respingerla.

Usa e Turchia salvano i terroristi

Dopo il fallimento della trama a marzo, gli Stati Uniti e la Turchia hanno cercato di salvare i mercenari stranieri intrappolati nella Ghouta orientale di Damasco e portarli a Idlib, mentre si trovavano ad affrontare i rapidi progressi dell’esercito siriano nella regione. Dopo la marcia in espansione dell’esercito nella Ghouta orientale e il fallimento del complotto Usa-Israele per condurre un’efficace offensiva su Damasco, il centro di comando degli Stati Uniti si è precipitato a evacuare i terroristi e gli agenti alleati che operavano nella regione per conto di Israele, Giordania e la Nato.

Fonti informate hanno riferito che sebbene i funzionari turchi abbiano dichiarato di essere pronti ad aiutare l’evacuazione dei terroristi del Fronte al-Nusra (Tahrir al-Sham Hay’at) dalla Ghouta orientale e portarli a Idlib, questa sembrava essere una copertura poiché intendevano davvero salvare le forze speciali straniere che erano tra i ranghi di Al-Nusra in Siria.

“Pertanto, gli Stati Uniti hanno ordinato a Jeish al-Islam, Faylaq al-Rahman e altri gruppi terroristici di consentire l’evacuazione di civili dalla Ghouta orientale alle regioni controllate dall’esercito, nel tentativo di fornire il terreno affinché questi agenti stranieri lasciassero la zona sotto mentite spoglie e consentire al servizio di intelligence turco di inviarli a specifiche regioni di al-Tanf e della Siria del Nord che sono sotto il controllo delle truppe statunitensi.

Eppure, la sala operativa degli Stati Uniti nella base di al-Tanf ordinò la fine di tutte le operazioni delle suddette forze alleate dopo che i terroristi furono sconfitti nella Ghouta orientale e il crollo delle due città di al-Nashabiyeh e al-Mohammadiyeh nei primi giorni del conflitto.

di Giovanni Sorbello

Fonte Il Faro sul Mondo 

Precedente Macron in guerra per arricchire la Francia, i siriani stanno con Assad contro i jihadisti finanziati da Obama Successivo Siria: mappa degli obiettivi occidentali (e Rothschild)

Lascia un commento

*