Afghanistan: una storia di NATO, CIA, Mafia, Armi ed Eroina 

Dal momento che la NATO è entrata in Afghanistan nel 2001, la produzione di eroina è aumentata di 40 volte, secondo il capo del Servizio federale di controllo delle droghe in Russia. Un milione di persone sono morte per eroina afgana dal 2001.

“L’eroina afgana ha ucciso più di 1 milione di persone in tutto il mondo dal momento che la ‘Enduring Freedom’ è iniziata e oltre un trilione di dollari sono stati investiti per contrastare il crimine organizzato specializzato nella vendita di droga”, ha detto Viktor Ivanov, in occasione della conferenza sulla situazione della droga in Afghanistan. “Qualsiasi osservatore imparziale deve ammettere il fatto triste che la comunità internazionale non è riuscita a frenare la produzione di eroina in Afghanistan dall’inizio delle operazioni della NATO.”

Secondo la presentazione di Ivanov alla 56′ sessione delle Nazioni Unite per la Commissione sugli stupefacenti, la crescita di oppio è aumentata del 18 per cento da 131.000 ettari a 154.000.

L’eroina è una droga derivata dalla morfina, un antidolorifico altamente pericoloso che deriva naturalmente dal papavero asiatico. Normalmente prende la forma di un liquido nero appiccicoso, l’eroina può essere essiccata diventando polvere marrone o bianco e può essere iniettata, sniffata o fumata. La droga crea uno stato euforico dovuta al farmaco che altera i neurotrasmettitori dal trasmettere e ricevere messaggi chimici; questo fa sì che le fasi assonnati date dal notevole uso di droga provocano un “pensare nuvoloso”. L’uso di eroina sopprime il sistema respiratorio, il che rende l’overdose di solito fatale.

Secondo l’indagine nazionale sul consumo di droga e la salut , nel 2009, 605.000 americani a partire da un età di 12 anni, hanno abusato di eroina almeno una volta all’anno.

screenshot_2016-12-04-18-57-20

Prima che la NATO e gli Stati Uniti invadessero l’Afghanistan, la produzione di oppio era stata vietata dai talebani, che lo vide come anti-Islam e dirompente. Dall’invasione, però, l’Afghanistan produce il 90 per cento dell’oppio mondiale, la maggior parte di esso finisce in Europa occidentale o in Russia. L’Occidente è costretto a consentire agli Afghani di coltivare l’oppio, che è il nucleo della loro economia locale e l’unico mezzo di sostentamento. Circa 2.4 miliardi di dollari sono guadagnati dalle esportazioni di droga, circa il 15 per cento del prodotto interno lordo dell’Afghanistan (PNL).

Gli Stati Uniti e la NATO non ha alcuna intenzione di tagliare questo flusso di denaro tutto in una volta. Secondo Ivanov, solo 1/100esimo della resa totale di oppio in Afghanistan è stato distrutto, a fronte delle stupende eradicazioni di arbusti da coca ogni anno in Colombia.

E ‘difficile dimostrare la compiacenza degli Stati Uniti e dell’Inghilterra nel traffico di eroina afgana, ma è chiaro che entrambi i paesi hanno partecipazioni finanziarie nel reddito da coltura dell’Afghanistan. Dall’invasione, come riportato dal Guardian, il prezzo dell’oppio nel 2002, ha superato di 10 volte prezzo del 2000, e nel 2007, l’Afghanistan ha impegato più terra per la coltivazione della droga di Colombia, Bolivia e Perù messi insieme.

Gli Stati Uniti sono stati coinvolti con il commercio di oppio in Afghanistan durante l’invasione sovietica del 1979-1980. Mentre il governo afgano destabilizzato si ritirò dalle province esterne, i signori della guerra si stabilirono e utilizzarono i ricavi della produzione di oppio per le armi. Mentre gli Stati Uniti hanno sostenuto i mujahideen contro i sovietici, la Central Intelligence Agency (CIA) ha chiuso un occhio per l’oppio.

Nel 1997, Alfred McCoy ha testimoniato davanti a un seminario speciale focalizzato sul collegamento tra la CIA e il traffico di droga : “Sotto la CIA l’esercito pakistano e la resistenza afgana hanno aperto dei laboratori di eroina sui loro confini. Secondo il Washington Post del maggio 1990, tra i principali produttori di eroina c’era Gulbuddin Hekmatyar, un leader afghano che ha ricevuto circa la metà delle armi segrete che gli Stati Uniti hanno spedito al Pakistan … Una volta che l’eroina ha lasciato questi laboratori nella frontiera nord-ovest del Pakistan, la mafia siciliana ha importato la droga negli Stati Uniti, dove hanno subito coperto il sessanta per cento del mercato. Vale a dire, sessanta per cento della fornitura di eroina US è arrivata indirettamente da un’operazione CIA. “

“Gli ex agenti della CIA hanno ammesso che questa operazione ha portato ad un ampliamento del commercio di eroina del Pakistan e dell’Afghanistan. Nel 1995 l’ex direttore della CIA, alla guida di questa operazione in Afghanistan, il signor Charles Cogan, ha ammesso di sacrificare la guerra alla droga per combattere la guerra fredda. ‘La nostra missione principale è stata quella di fare più danni ai sovietici. Non abbiamo davvero le risorse o il tempo da dedicare a un’indagine per il traffico di droga’, ha detto alla televisione australiana. ‘Non credo che abbiamo bisogno di chiedere scusa per questo. Ogni situazione ha la sua ricaduta. C’era la ricaduta in termini di droga, sì, ma l’obiettivo principale è stato compiuto. I sovietici hanno lasciato l’Afghanistan.’ ”

Oltre ad essere una grande raccolta di contanti, l’eroina ha offerto percorsi per l’Occidente sostenendo varie organizzazioni private, garantendo dei profitti per le banche che riciclavano e gestivano i flussi di denaro. L’ex ambasciatore britannico in Uzbekistan Craig Murray ha scritto in un articolo del 2007 per il Daily Mail che “il nostro successo economico in Afghanistan va ben oltre la semplice produzione di oppio grezzo. Infatti l’Afghanistan è riuscito con i nostri sforzi e l’aiuto internazionale a coltivare sia l’oppio che ha raffinarlo e produrre direttamente l’eroina”.

Ha elaborato che l’Afghanistan “ora esporta non l’oppio, ma eroina. L’oppio viene trasformato in eroina su scala industriale, non in cucine, ma nelle fabbriche. Milioni di litri di prodotti chimici necessari per questo processo vengono spediti in Afghanistan con le cisterne. Le autocisterne e  i camion carichi di oppio scorrono verso le fabbriche condividono le strade con le truppe della NATO”.

di: La verità di Ninco Nanco

Precedente Un Pensionato Inventa Un Motore Solare Capace Di Funzionare 25 Anni SENZA MANUTENZIONE Successivo Ora che è finita la tarantella del Referendum vogliamo pensare finalmente ai Terremotati?