Fatti e cifre: quanto spende Israele per comprare i politici di Washington

Grazie al Centro indipendente per la politica reattiva e il suo  sito web Open Secrets, si ha un’idea su come le “ruote” di Washington siano “unte”. Open Secrets fornisce un database aggiornato sul ruolo che il denaro svolge in politica attraverso lobbismo e donazioni di campagne. In questo post, voglio dare un’occhiata a uno dei partiti più influenti di Washington, la nazione di Israele. 

Apriremo questo post con un esame della lobby filo-israeliana a Washington. Ecco una  sintesi  della lobby pro-Israele di Open Secrets:

“Una delle lobby della questione internazionale, se non la più potente, è quella della folla filoisraeliana, ben finanziata e politicamente potente, la lobby pro-Israele è una forza importante per gli affari esteri americani che vuole continuare a usare l’esercito americano e i fondi americani a supporto dello stato ebraico “.

Ecco un grafico che mostra quanto la lobby filo-israeliana abbia speso per convincere Washington dal 1998:

La lobby pro-Israele ha speso una cifra record di 5,02 milioni di dollari nel 2018, in leggero aumento rispetto a 4,96 milioni di dollari del 2017, ma in rialzo sostanzialmente di 1,71 milioni di dollari rispetto al decennio prima nel 2007.

Qui ci sono le più grandi organizzazioni di lobbying pro-Israele in ordine all’ammontare speso per il lobbismo:

Il Comitato per gli Affari Pubblici di Israele o l’AIPAC è, con un ampio margine, il più grande spender sul lobbismo, rappresentando il 70,1 per cento del totale speso da tutti i lobbisti pro-Israele.

Dei 26 lobbisti segnalati che lavorano per 9 clienti, ci sono 6 “revolver” come  mostrato qui :

Open Secrets definisce “revolver” gli ex impiegati del governo federale che ora lavorano come lobbisti, consulenti e strateghi. Queste persone hanno accesso agli attori chiave e ai principali responsabili delle decisioni a Washington che Main Street America può solo sognare.

Ora, diamo un’occhiata ai contributi della campagna pro-Israele.  Ecco  una sintesi dei principali contributori durante le elezioni di medio termine del 2018:

Ecco  una tabella che mostra i contributi della campagna pro-Israele risalenti al ciclo elettorale del 1990:

Ecco gli stessi dati in forma grafica:

Noterai che tra tutti i gruppi che fanno donazioni ai politici che corrono per un ufficio a Washington, la lobby pro-Israele è classificata tra il 24 ° posto assoluto (nel 1990) e il 60 ° posto nel 2000 e, nel 2018, si è classificata al 50 ° posto. Le elezioni di medio termine del 2018 hanno visto la lobby filo-israeliana donare una quantità record di denaro a metà percorso elettorale, con donazioni per un totale di $ 14,9 milioni rispetto a $ 12,1 milioni durante le elezioni di medio termine del 2014. Inoltre, la lobby filo-israeliana sembra preferire candidati in corsa per i democratici; durante i quasi trent’anni, la lobby pro-Israele ha donato il 60% o 85.365 milioni di dollari ai democratici, contro il 40% o 54.308 milioni di dollari ai repubblicani.

Ecco  un grafico che riassume le donazioni politiche della lobby pro-Israele durante il ciclo di metà 2018 per entrambi i partiti politici alla Camera e al Senato:

Ecco  i primi 20 destinatari della lobby pro-Israele durante il ciclo di medio termine del 2018:

Ecco i primi 20 destinatari che sono membri della Camera:

Ecco i primi 20 destinatari che sono senatori:

 Secondo il Pew Research Center, qui l’affiliazione religiosa negli Stati Uniti:

Dato che non tutti gli ebrei e i cristiani evangelici sostengono l’agenda di Israele, è interessante vedere come meno di un quarto degli americani stia guidando l’agenda pro-Israele di Washington e la sua narrativa di accompagnamento. Questo suggerisce il potere estremo che la lobby filo-israeliana esercita nella capitale della nazione.  

Dopo tutti questi dati, è molto importante tenere a mente che assumere una posizione contro le politiche di Israele o di Netanyahu non significa essere antisemita, e non significa che Israele non abbia il diritto di esistere, significa semplicemente che non c’è l’approvazione universale delle azioni di Israele in Medio Oriente e per la sua capacità di influenzare i governi spendendo milioni per fare pressione e influenzare le elezioni americane attraverso donazioni ai suoi candidati preferiti.

Precedente Trump per riconoscere il controllo israeliano sulle alture del Golan in Siria? Bypassare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite Successivo Gilet gialli, 73enne travolta da carica della polizia: cranio fratturato