Yasir Murtaja, giornalista palestinese assassinato a Gaza da Israele nel disinteresse totale dei media occidentali

Un giornalista palestinese di 31 anni, Yaser Murtaja, è morto nella giornata di sabato a causa delle gravi ferite da arma da fuoco causate dai colpi di pistola dell’esercito del regime israeliano durante le proteste nella Striscia di Gaza organizzata contro l’occupazione.

Yaser Murtaja lavorava come fotografo per l’agenzia locale Ein media ed è morto per le lesioni subite dai colpi dei cecchini israeliani mentre copriva gli eventi di ieri a Gaza. Lo si è appreso oggi da una nota del Ministero della Salute della Palestina.

Dopo la carneficina della settimana scorsa – con decine di morti e oltre mille feriti –  la repressione israeliana ai confini con Gaza ha prodotto anche ieri 8 morti e 1000 feriti. Le forze occupanti israeliani hanno utilizzato carri armati, cecchini e usato gas lacrimogeni e proiettili veri, violando le norme internazionali più elementari.

E questa era la sua “arma del delitto”…

Fonte L’Antidiplomatico 

Precedente L’Ungheria è il primo paese europeo a bandire le banche Rothschild Successivo Sui monti dell’Irpinia torna la risciola, il grano del ‘500