CLAMOROSO! Varoufakis: “era tutto pronto per uscire dall’Euro, poi Tsipras ha TRADITO”

La clamorosa rivelazione di Varoufakis: “Era già tutto pronto passare dall’Euro alla Dracma in una notte, ma Tsipras ci ha tradito”

L’EX MINISTRO DELLE FINANZE GRECO AVEVA MESSO IN PIEDI UNA CELLULA SEGRETA PER CREARE UN SISTEMA BANCARIO PARALLELO, CHE AVREBBE POTUTO ‘TRASFORMARE’ L’EURO IN DRACMA CON UN COLPO DI CLIC: “VOGLIONO INCRIMINARMI PER TRADIMENTO, MA IL PIANO FUNZIONAVABENISSIMO”

Al team ha partecipato anche un esperto della Columbia University, che è entrato nei software del Fisco greco, sotto il controllo dell’ex troika, ottenendo le informazioni di tutti i contribuenti – Il sistema parallelo consentito ad Atene di creare liquidità in euro evitando lo “strangolamento finanziario” della Bce…

WSI – E’ uscito di scena come ministro delle Finanze, ma continua a essere molto attivo nel gridare al mondo tutti i retroscena che hanno interessato la Grecia nei giorni caldi delle ultime settimane, e anche degli ultimi mesi.

Yanis Varoufakis, appunto ex numero uno del dicastero delle Finanze, ha fatto l’ennesima rivelazione shock che sta provocando in queste ore forti tensioni politiche ad Atene.

Stando a quanto riportato da Kathimerini, in una teleconferenza con alcuni membri di hedge fund internazionali, Varoufakis ha svelato di aver ricevuto lo scorso dicembre da Alexis Tsipras un’autorizzazione precisa, allo scopo di pianificare un sistema parallelo di pagamenti in euro, che avrebbe potuto “trasformarsi” in dracma nell’arco di una notte, se necessario.

La richiesta si è tradotta nella creazione di un team, o meglio come riporta anche il Telegraph in un articolo firmato da Ambrose Evans-Pritchard, di una “cellula segreta”, composta da cinque funzionari guidati da Varoufakis, che hanno lavorato per mesi a un piano B di emergenza.

Al team ha partecipato anche un esperto di tecnologia della Columbia University di New York, che ha gestito la parte logistica della missione, compiendo anche operazioni di hackeraggio: l’esperto è riuscito infatti a entrare nei sistemi di software del Fisco in Grecia – sotto il controllo dell’ex troika – e ottenere tutti i dati e le informazioni relativi a ogni contribuente greco.

“Il primo ministro, prima che vincessimo le elezioni a gennaio, mi aveva dato l’ok a formulare un piano B. Io ho creato a quel punto un team molto competente, un piccolo team come doveva essere per rimanere nascosto, per ovvie ragioni”, ha detto lo stesso Varoufakis. A quel punto, “abbiamo deciso di violare lo stesso programma di software del mio ministero”.

Le dichiarazioni sono state riprese da Kathimerini e si riferiscono a una teleconferenza che risale allo scorso 16 luglio, dunque a una settimana dopo le dimissioni dell’ex ministro.

Varoufakis ha espressamente confermato al Telegraph che le dichiarazioni riportate da Kathimerini sono accurate, precisando tuttavia di non aver mai partecipato ad alcun complotto per tornare alla dracma, contrariamente a quanto è stato affermato dalla stampa ellenica.

“Il contesto di tutto ciò è che vogliono dipingermi come un ministro delle finanze disonesto, per farmi incriminare per tradimento. Fa tutto parte di un tentativo di annullare i primi cinque mesi di questo governo, e di buttarli nella spazzatura”, ha continuato.

Lui stesso ha poi spiegato che l’obiettivo delle operazioni di hackeraggio è stato quello di consentire al ministero delle Finanze di effettuare, nel caso di ricorso al piano di emergenza, trasferimenti digitali “premendo semplicemente un tasto”.

Il piano prevedeva l’esecuzione dei pagamenti attraverso il modello “IOU”, basato su un esperimento lanciato dalla California dopo il crac Lehman Brothers.

Un sistema bancario parallelo di questo tipo avrebbe consentito ad Atene di creare liquidità in euro evitando quello che Syriza definisce “strangolamento finanziario” della Bce. Varoufakis ha puntualizzato che il sistema “era stato sviluppato molto bene”.

“Ben presto avremmo potuto ampliarlo, utilizzando App sugli smartphone, avendo un sistema parallelo (bancario) operativo. Ovviamente sarebbe stato denominato in euro, ma sarebbe stato possibile convertirlo in nuova dracma” in caso di necessità

L’ex ministro ha aggiunto che il ricorso alle operazioni di hacker è stato necessario, dal momento che la troika aveva preso il controllo del Fisco all’interno del ministero delle finanze.

Il tutto si è poi concluso in un nulla di fatto.

“Quando il momento è arrivato, (Tsipras) ha deciso che era troppo difficile. Non so quando ha preso questa decisione. So solo che ho appreso (la notizia) esplicitamente la notte del referendum, ed è questo il motivo per cui ho presentato le mie dimissioni”.

Nelle registrazioni si sente Varoufakis dire: “Credo che i cittadini greci ci avessero autorizzati a trattare in modo energetico e forte, al punto che, se non fossimo riusciti a raggiungere un accordo efficace, avremmo dovuto considerare l’eventualità di uscire” dall’euro.

 

da  Senza peli sulla lingua

Precedente Prosecco e pesticidi: quando i soldi valgono più della salute Successivo Ecco cosa rivelano le unghie sul nostro stato di salute