Uno studio dell’Università di Manchester, ha appurato che il cancro è una malattia moderna, provocata da fattori ambientali comeinquinamento e alimentazione.

Uno studio delle mummie e della letteratura egiziane e greche – svoltosi a Manchester, presso il KNH Centre for Biomedical Egyptology, e pubblicato su Nature – ha permesso di formulare la prima diagnosi istologica di tumore in una mummia egizia.

Trovare soltanto un singolo caso di malattia su centinaia di mummie esaminate ed una minima percentuale di riferimenti al cancro nelle testimonianze letterarie, dimostra come il cancro fosse estremamente raro nella antichità. Il tasso di malattia è cresciuto in maniera massiccia ad iniziare dalla rivoluzione industriale – in particolare il cancro infantile – dato che dimostra come tale incremento non sia dovuto solo alla maggiore aspettativa di vita della popolazione.

La professoressa Rosalie David, della facoltà di Biologia della Manchester University, ha dichiarato: “Nelle società industrializzate la causa di morte per cancro è seconda esclusivamente alle patologie cardiovascolari. Tuttavia, nell’antichità era molto rara. Non vi è nulla in un ambiente naturale che possa provocare il cancro. Quindi deve trattarsi di una malattia artificiale derivante dall’inquinamento e dai cambiamenti nella nostra dieta e stile di vita

Ha poi aggiunto: “La cosa rilevante del nostro studio è che fornisce una prospettiva storica rispetto a tale malattia. Oggi che abbiamo un quadro completo, possiamo fare affermazioni chiare sui tassi di mortalità per cancro nelle società antiche. Abbiamo studiato periodi millenari, non soli 100 anni, ricavandone una rilevante mole di dati”.

Tali dati includono la prima diagnosi istologica di tumore su una mummia egizia, effettuata dal prof. Michael Zimmerman, studioso esterno al Centro, cattedratico presso la Università Villanova negli Stati Uniti. Ha diagnosticato un cancro del retto in una mummia senza nome, una persona ‘normale’ che visse nell’Oasi Dakhleh durante il periodo tolemaico (200-400 a.C).

Nell’antichità – ha affermato Zimmerman – non esistevano interventi chirurgici di tal portata, quindi la prova di un tumore non poteva che rimanere intatta. L’assenza di neoplasie nelle mummie, deve essere interpretato come la indicazione della loro rarità nei tempi antichi, il che dimostra come il cancro sia provocato da cause connesse alla società della industrializzazione.

Il team ha studiato resti mummificati e testimonianze scritte dell’antico Egitto, mentre riguardo la Grecia antica, in assenza di cadaveri mummificati, si sono considerate solo fonti letterarie. Tuttavia, ulteriori studi medici di resti umani e animali risalenti a periodi precedenti, perfino dell’età dei dinosauri, non hanno praticamente riscontrato tracce di cancro.

Le tracce di cancro nei fossili animali, primati non umani e primi esseri umani è scarsa – solo qualche decina, oltretutto contestata. Un tumore metastatico di origine ignota è stato riscontrato in un fossile di Edmontosaurus, mentre un altro studio ha elencato una serie di possibili neoplasie in altri resti fossili, le quali tuttavia non includevano tipologie di tumori comuni nell’uomo adulto moderno.

È stato suggerito che il breve arco di vita degli individui nella antichità, avrebbe precluso lo sviluppo del cancro. Anche se questa statistica in linea di principio è plausibile, molti individui in Egitto e Grecia antichi vissero abbastanza a lungo da sviluppare malattie come la aterosclerosi, il morbo di Paget e la osteoporosi.

Un’altra spiegazione dell’assenza di tumori riscontrabili nei resti umani e animali antichi, è quella secondo cui i tumori potrebbero non essersi ben conservati nei resti biologici. Il dottor Zimmerman, tuttavia, ha condotto studi che indicano come la mummificazione conservi le caratteristiche di malignità, e come i tessuti tumorali dovrebbero invece essere soggetti ad una migliore conservazione, rispetto ai tessuti sani.

Numerose indagini radiologiche di mummie conservate presso il Museo del Cairo e altri musei in Europa, non sono riuscite a produrre diagnosi di cancro. Bisogna risalire al 17° secolo per rinvenire la descrizione di operazioni al seno. Le prime relazioni scientifiche nella letteratura risalgono agli ultimi 200 anni, ad esempio, il cancro dello scroto negli spazzacamini (1775), il cancro nasale nei fiutatori di tabacco (1761) e la malattia di Hodgkin (1832).

La prof. David – invitata a presentare i suoi studi presso la UK Association of Cancer Registries e il National Cancer Intelligence Conference – ha detto: “Non sono ancora sicura di cosa abbia potuto causare i pochi casi di cancro negli antichi egizi. Forse il fatto che riscaldassero le loro abitazioni con fuochi che emanavano fumo all’interno, oppure bruciando incenso nei templi”. 

“I dati riguardanti gli antichi egizi forniscono prove sia dal punto di vista fisico che letterario, dandoci la opportunità di osservare malattie e trattamenti.

Gli antichi egizi furono molto creativi in materia terapeutica, ed alcuni trattamenti ritenuti magici erano invece efficaci rimedi naturali. Ad esempio, il sedano era utilizzato per il trattamento di reumatismi, elemento che oggi è oggetto di indagine. I loro interventi chirurgici in relazione alle fratture ossee erano eccellenti, e dimostravano una ottima conoscenza della anatomia umana. Gli egizi sono stati gli iniziatori di una nuova metodologia terapeutica, dottrina poi ereditata dai greci, che si recavano ad Alessandria proprio per studiare la medicina”

La David ha poi concluso: “Ancora una volta numerosi dati ricavati dallo studio degli antichi egizi, unitamente ad altri dati riscontrati in precedenza, hanno fornito alla società moderna un chiaro messaggio: il cancro è un fenomeno creato dall’uomo, ed è con questi riscontri che dobbiamo fare i conti”

 

Articolo in lingua inglese pubblicato sul sito: http://www.thetruthseeker.co.uk/article.asp?ID=13620

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Tratto da conoscenzealconfine.it

 

Libri e varie…

Testo consigliato: Guarire il cancro

Terapie complementari a base di vitamine e farmaci naturali – Il ruolo degli antiossidanti – Rinforzare il sistema immunitario – Migliorare la qualità della vita – Centinaia di casi di guarigione

di Linus Pauling, Abram Hoffer

Per la prima volta in Italia il testo che presenta i sorprendenti risultati ottenuti dai trattamenti nutrizionali nella cura del cancro.

In collaborazione con l’amico, collega e due volte premio Nobel Linus Pauling, Abram Hoffer espone in quest’opera i traguardi raggiunti dal programma terapeutico da lui stesso elaborato e che è stato già sperimentato con successo da centinaia di pazienti sofferenti di diversi tipi di cancro.

Le ricerche condotte mostrano come megadosi di vitamina C e altri nutrienti siano efficaci non solo per invertire la progressione della malattia, ma anche per migliorare notevolmente la qualità di vita del paziente, oltre che per ridurre i dannosi effetti collaterali legati ai trattamenti convenzionali ? chemioterapia, radioterapia e trattamenti chirurgici ? rispetto ai quali la terapia vitaminica può anche essere complementare.

L’esposizione delle analisi statistiche di Pauling e dei casi clinici di Hoffer forniscono un’efficace risposta alle critiche sollevate nei confronti di questa terapia alternativa e nuove possibilità di guarigione per i malati di cancro.

Arricchito da un capitolo che affronta le controversie scientifiche sollevate dal caso, l’analisi della cosiddetta industria del cancro, lo scetticismo medico, le ostilità di famigliari e personale sanitario nei confronti di questo tipo di trattamenti e le false informazioni divulgate a riguardo, Guarire il cancro rappresenta senza dubbio un contributo di grande rilievo nello studio della medicina naturale contro questa malattia. (…)

Qui il libro Guarire il cancro link <~>

Precedente Quando gli americani rasero al suolo una città italiana per "esigenze cinematografiche" Successivo LE FIGARO: COME L’EUROPA HA CONSENTITO L’IMPOVERIMENTO DELLA SUA CLASSE MEDIA