In Thailandia lanciate bombe di semi per combattere la deforestazione. 

In Thailandia, la foresta naturale della provincia di Phitsanulok, fa parte del progetto di riforestazione aerea (seed bombing) deciso dal governo per il rimboschimento della vegetazione entro il 2017. Purtroppo negli ultimi vent’anni, la maggiore parte delle foreste dell’area del Grande Mekong – fiume che si estende tra Cina, Birmania, Cambogia, Laos, Thailandia e Vietnam – si sono ridotte drasticamente di quasi la metà. Questo situazione è dovuta al devastante impatto umano sull’ambiente, causato dallo sfruttamento delle attività agricole, disboscamento, cambiamento climatico, aumento della popolazione. Proprio per questo la Thailandia nel 2013 ha deciso di intervenire drasticamente con un piano quinquennale di rimboschimento delle zone più martoriate tramite via aerea con bombe di semi. Con questo metodo, un aereo (o un drone) vola sull’area da bonificare sganciando piccole bombe composte da argilla, concime e semi della flora locale sistemate all’interno di capsule biodegradabili ideate per interrarsi alla stessa profondità con cui verrebbero poste con aratura tradizionale. Con un solo volo aereo si possono far cadere anche 100000 semi.

L’invenzione delle bombe di semi (seed bombs) nasce dall’idea di Masanobu Fukuoka, famoso botanico giapponese pioniere dell’agricoltura naturale e considerato il padre della permacultura. La tecnica che Fukuoka inventò, si basa sul principio del “non fare”. Un sistema che si può riassumere in tre fasi: seminare, pacciamare, raccogliere. Fukuoka considerava erbicidi e pesticidi dei veleni. Non utilizzava nessun tipo di prodotto chimico ne macchinario agricolo. E nella sua fattoria non esisteva alcuna comodità moderna. Questo per rimanere in armonia con la natura. Iniziò a sviluppare metodi semplici ma efficienti come la pacciamatura utilizzando la paglia che normalmente gli altri agricoltori bruciavano, la consociazione di piante azoto fissatrici o il Nengo-Dango che consiste nel creare palline di argilla, le cosiddette bombe contenenti semi da spargere sul campo. Fukuoka era convinto che, sparare bombe di semi di fiori in tutto il mondo era molto più utile che costruire industrie di fertilizzanti. Egli vedeva l’agricoltura come un cammino per raggiungere la saggezza e creò un ecosistema stabile nel quale tutti gli esseri viventi cooperavano in armonia. I microbi e i batteri stanno a contatto con le radici delle piante e fertilizzano il sottosuolo, agli animali più grandi, come gli uccelli, rane e capre pensano invece alla superficie. Un equilibrio perfetto che solo così non viene toccato dalle malattie e dagli insetti che a volte infestavano, e infestano tutt’oggi, i raccolti.

Seed-Bombs-Thailandia-Fukuoka-Deforestazione-Bombe-Semi-Ecoliving-5

I primi bombardamenti aerei di semi risalgono ancora al 1930, quando alle Hawaii vennero rimboscate alcune zone delle montagne di Honolulu dopo che un incendio aveva devastato la vegetazione. L’idea di adottare su larga scala questa tecnica, invece è del 1999 quando la Lockheed Martin, azienda attiva in settori di ingegneria aerospaziale e difesa, riuscì a piantare 900mila alberi in un giorno lanciando semi da un grande aereo militare. La deforestazione è una piaga che affligge tutto il mondo e che, oltre a mettere a repentaglio i mezzi di sostentamento delle persone, sta minacciando una vasta gamma di specie arboree e animali e contribuendo ad aggravare i cambiamenti climatici. In troppe, aree del mondo gli aerei continuano a sganciare bombe e a provocare morte, dolore e distruzione solo per interessi economici. Sarebbe un bel passo avanti per tutti se quegli stessi aerei oggi, fossero impiegati per creare nuove vite e per riparare a ciò è stato distrutto.

da ecoliving

Precedente CIBI CONTAMINATI, ecco l’elenco delle marche da evitare Successivo Per le donne che “amano ” gli animali e che usano cosmetici come MAC. Ecco invece una lista di prodotti “NON CRUDELI”