Terrorismo: Oggi e ieri, gli errori degli USA e della CIA

 

image

Osama Bin Laden (l’ideatore del terrorismo islamico) è nato nel 1957 figlio di un costruttore yemita e di una donna siriana.  Conseguiti gli studi, si è laureato in Economia, ha iniziato ad occuparsi delle società del padre grazie alle quali ha accumulato un bel po di soldi, ma qualcosa cambia nella sua vita. Nel 1979 dopo l’invasione Russa in Afghanistan aiuta i fratelli musulmani a combattere i comunisti. Investe le sue ricchezze per armare e addestrare i volontari che combatto con i mujaheddin afgani creando il gruppo: Fronte di salvezza islamico. Bin Laden non è il solo a finanziare tale gruppo, infatti può contare sugli aiuti economici degli stati uniti e sull’appoggio della CIA.
Finita la guerra con l’Unione Sovietica fa ritorno nell’Arabia Saudita nel 1991 ma li trova le truppe statunitensi impegnate nella guerra contro l’Iraq, questo non viene digerito dall’uomo in quanto non ritiene giusto che il suolo sacro di Maometto sia calpestato da truppe infedeli.

Fonda cosi Al Qaeda e inizia a combattere contro gli stessi Stati Uniti che precedentemente lo avevo finanziato e sostenuto. Al Qaeda è stata l’organizzazione terroristica integralista islamica che ha compiuto gli attentati di terrorismo più violenti e sanguinari a danno degli Stati Uniti.
Prima degli attentati alle Torri Gemelli il giornalista americano Moran aveva scritto in uno dei suoi articoli come Osama Bin Laden fosse stato il più “illustre” alunno della CIA.
Il giornalista spiega come la CIA pensava che i combattenti fondamentalisti arabi erano facilmente manovrabili rispetto gli afghani così Bin Laden diventò un uomo di fiducia della CIA nella guerra nascosta con l’Unione Sovietica.
Ma conclusa la guerra Bin Laden, considerato un dilettante dalla CIA, si è rivoltato contro i suoi creatori e i soldi e gli armamenti non gli mancavano di certo.
Moran  scrive inoltre i commenti del senatore Orrin Hatch che avrebbe detto, pur sapendo il seguito di Osama Bin Laden, “ne valeva la pena, la guerra in Afghanistan ha giocato un ruolo importante nel crollo dell’URSS”.

Da: redazione La Verità di Ninco Nanco

I commenti sono chiusi.