Svizzera, in arrivo un referendum rivoluzionario contro le banche

image

Vietare alle banche di creare moneta, cosa permessa solo alla Banca centrale. E’ questo lo scopo di un referendum che si terrà in Svizzera entro i prossimi 18 mesi. La notizia, diffusa il giorno di Natale, è passata in sordina nonostante la sua ampia portata. Il movimento che ha promosso la consultazione (Iniziativa Moneta Intera) chiede infatti che l’emissione di moneta sia riservata alla sola Banca Nazionale, ossia alla Banca Centrale elvetica (Swiss National Bank). Con il sistema attuale, spiega il movimento, il 90% dei soldi utilizzati (la moneta scritturale sui conti bancari) non viene creata e messa in circolazione dalla Banca Centrale, bensì dalle banche private, cosa non esplicitamente contemplata nel diritto elvetico.

Non solo: si tratta di denaro materialmente inesistente, ”cifre sui conti correnti”, denaro virtuale creato dalle banche private. Non è un mezzo legale di pagamento, bensì solo una promessa da parte di una banca di pagarci denaro contante quando necessario, spiega Iniziativa. Al contrario, il denaro emesso dalla Banca Nazionale è ”moneta intera”, mezzo legale di pagamento a pieno titolo ad oggi costituito da monete metalliche e banconote. Scopo del referendum è quello di far sì che l’unica moneta in circolazione sia la moneta intera, che è protetta da fallimenti bancari, evita bolle finanziarie ed inflazione, ed è redditizia. Il movimento chiede inoltre che la Banca nazionale sia messa nelle condizioni di creare anche la moneta elettronica, che comunque avrebbe tutte le caratteristiche di quella intera.

Da:leggo.it

I commenti sono chiusi.