Spunta il pizzino di Buzzi alla Boschi per incontrare Renzi

E Matteo ti scrivo. Dopo aver donato 5 mila euro per la tua Leopolda 2014 e dopo aver pagato stasera per questa cena di finanziamento del tuo Pd altri 15 mila euro, penso di avere diritto a presentarti la mia cooperativa. Allora ti invio questa lettera ponendola nelle mani gentili della tua fida ministra Maria Elena Boschi e ti chiedo un incontro al più presto. Firmato Salvatore Buzzi. Magari con parole diverse, l’allora presidente della Coop 29 giugno, poche settimane prima di essere arrestato, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio per chiedergli un incontro e l’ha consegnata durante la cena di finanziamento del Pd, il 7 novembre 2014 a Roma, nelle mani del ministro delle riforme Boschi perché la portasse al suo amico premier.

Buzzi alla cena di finanziamento di Renzi  chiese un incontro al premier

La notizia medita emerge dalle trascrizioni delle conversazioni e degli sms di Buzzi inviati durante la cena di quella sera di novembre 2014 con Renzi e Boschi, agli atti del processo Mafia Capitale. Da mesi Buzzi aveva avviato una manovra di avvicinamento per agganciare Renzi. Il 25 ottobre 2014 Buzzi scrive alla deputata Pd Micaela Campana: “Ho letto che vai alla Leopolda con Umberto (Marroni, Ndr) sono contento noi abbiamo dato contributo di 5.000,00. Saluta la Boschi”. Micaela Campana replica che non andrà e Buzzi ribadisce il concetto al deputato Pd Marroni: “come coop abbiamo dato un contributo di 5.000,00″. Come a dire: salutami Boschi e Renzi.

Buzzi ha dato 5000 euro a Renzi per finanziare la Leopolda 2014

La cena inizia alle 20 e 30 e alle 20 e 17 lui già chiama Piera Chiaravalle: “sto al tavolo ce sta Emiliano, c’è Michela (verosimilmente Micaela Campana, ndr)”. Alle 21 e 21 Buzzi scrive a un’amica: “Ho la Boschi a un metro! Ci siamo fatti la foto, tacco 12″. Buzzi si rammarica di non avere fatto invece la foto con Renzi. Alle 21 e 40 scrive a Michele Nacamulli, ex consigliere Pd del IX municipio, poi assunto da Buzzi: “Se becchi Renzi ricordagli che abbiamo finanziato la Leopolda e oggi abbiamo dato 15 mila euro. Potevamo dirlo alla Boschi cazzo”. E Nacamulli pronto lo tranquillizza: “Ok!!!!La Boschi è qui”. Alle 22 e 5 minuti finalmente Salvatore Buzzi può annunciare via sms a Donatella Gallese: “Abbiamo consegnato alla Boschi la lettera per Matteo”, si legge su “il Fatto quotidiano”.

da:secoloditalia.it

Precedente La grande vittoria: Xylella, gli ulivi curati tradizionalmente germogliano Successivo Abusi sessuali sui chierichetti: don Peschiulli condannato a tre anni e otto mesi di carcere