Spagna, Cup: “Colombo è un genocida. Via la statua da Barcellona”

Colombo fu strumento del nazionalismo spagnolo aggressivo contro tutti i popoli che ha oppresso e che opprime”. Con questa motivazione la Cup, candidatura di unità popolare, ha chiesto l’abbattimento della statua di Cristoforo Colombo.

La scultura di Colombo che, nel porto di Barcellona, indica il mare è meta di molti turisti ma secondo i consiglieri del partito catalano Colombo fu l’uomo che scoprì l’America “aprendo un genocidio contro le popolazioni indigene da parte dei colonizzatori”.

Nessuno sconto dunque per il navigatore genovese. La proposta infatti non si limita alla rimozione della statua ma va oltre. La Cup pretende che il 12 ottobre, la data della scoperta dell’America, non sia più festa nazionale in Spagna. In quel giorno, infatti, nel Paese iberico si celebra la hispanidad, ovvero secondo il partito “l’esaltazione di un genocidio”.

Il partito in questione chiede anche la ritirata del monumento del marchese di Comillas, Antonio López, discusso banchiere e filantropo della metà dell’Ottocento, che in realtà sarebbe stato “coinvolto nella tratta degli schiavi nei Caraibi”.

La verità di Ninco Nanco

I commenti sono chiusi.