Siria: mappa degli obiettivi occidentali (e Rothschild)

Il ministero della Difesa russo ha pubblicato in una nota i dettagli dell’aggressione aerea Usa-Francia-Regno Unito sulla Siria, identificando il numero totale di missili lanciati sui vari bersagli e il numero dei missili intercettati.

“I sistemi di difesa aerea russi, presso la base aerea di Khmeimim e Tartus, hanno localizzato in modo tempestivo e hanno controllato tutti i lanci navali e aerei fatti dagli Stati Uniti e dal Regno Unito contro la Siria”. Secondo la dichiarazione, sono stati lanciati 103 missili da crociera, inclusi i missili a base navale Tomahawk e le bombe guidate Gbu-38 sparate dal B-1B; gli aerei F-15 e F-16 hanno lanciato missili aria-superficie.

L’immediata reazione siriana

In totale sono stati intercettati 71 missili da crociera. I sistemi S-125, S-200, Buk, Kvadrat e Osa Syrian sono stati impiegati per respingere l’attacco. Gli attacchi hanno preso di mira anche le basi aeree siriane. La Russia ha registrato i seguenti dati:

  • Quattro missili hanno preso di mira l’aeroporto internazionale di Damasco; 12 missili l’al-Dumayr, tutti i missili sono stati abbattuti.
  • 18 missili verso l’aerodromo di Blai, tutti i missili abbattuti.
  • 12 missili verso la base aerea di Shayrat, tutti i missili abbattuti. Le basi aeree non sono state colpite dai raid.
  • Cinque missili su nove sono stati abbattuti contro la base aerea di Mazzeh.
  • Tredici missili su sedici, sparati contro l’aeromobile di Homs, sono stati abbattuti. Non si registrano danni ingenti.
  • In totale 30 missili hanno preso di mira le strutture vicino a Barzah e Jaramana. Sette di loro sono stati abbattuti. Queste strutture presumibilmente relative al cosiddetto “programma chimico militare della Siria” sono state parzialmente distrutte. Tuttavia, non erano presenti persone e attrezzature.

Fonte Il Faro sul Mondo 

Precedente Alcuni Militari britannici sono stati fatti prigionieri dall’esercito siriano nella Ghouta orientale Successivo Nell'indifferenza dei Media gli Emirati Arabi reclutano 8000 mercenari ugandesi per combattere nello Yemen