I semi di anguria contengono più proteine della carne!

I semi di anguria andrebbero mangiati perché fanno molto bene alla salute. Considerata da sempre buona abitudine rimuoverli, emerge ora come ingerirli sia cosa buona e giusta. I semi di anguria, infatti, costituiscono un vero e proprio integratore per l’organismo.

I semini di anguria contengono antiossidanti, fibre e sono ricchissimi di proteine. In un etto di semi, ad esempio, le proteine sono circa 35 grammi, un quantitativo maggiore rispetto a quello presente nello stesso peso di carne. Si tratta di una componente proteica in grado di abbattere l’apporto glicemico dell’anguria, consentendo di poterne assumere in abbondanza. Inoltre, i semi contrastano altresì il colesterolo, e l’iperattivazione del sistema immunitario, grazie ai grassi poli-insaturi di cui abbondano. Per questo, l’assunzione dei semini potrebbe risultare benefica anche per chi è affetto da asma, allergia oppure autoimmunità.

Ma non è tutto, perché tra le componenti in grado di favorire il benessere dell’organismo, nei semi d’anguria ci sono anche le vitamine del gruppo B – utili al fegato – nonché fosforo, rame, potassio, manganese, magnesio, ferro e zinco. In più, assumendo i semi assieme alla polpa del frutto – ricco di vitamina C – risulta più semplice l’assimilazione del ferro contenuto negli stessi.

Ecco dunque che risulta evidente come faccia davvero bene mangiare i semini d’anguria. Tuttavia, c’è comunque chi, infastidito dalla loro presenza, sceglie di continuare pazientemente a rimuoverli ad uno ad uno, ma c’è una soluzione anche in questo caso. Un’idea è infatti lasciare che secchino per poi sgranocchiarli ed assumerne tutte le proprietà nutritive evitando così di deglutirli interi. Oppure, si potrebbe preparare un estratto di semi d’anguria.

Libri&BioShop

Precedente Come mai il terrorismo non ha ancora colpito in Italia?  Successivo Cina: entra in funzione l’autobus elettrico che passa sopra alle auto (e arriva sempre in orario) – VIDEO