Secondo il professor Philippe Even, 1/3 dei farmaci utilizzati non servono a nulla!

 

Le aziende farmaceutiche potrebbero non apprezzare tale tesi anche se in realtà non è nuova. Nel 2010 un eccellente documentario che tutti dovrebbero avere visto almeno una volta, “The medicators”, spiegava come molti dei farmaci non contribuiscono a risanare i nostri mali ma sono solo una questione di affari. Infatti, dal momento in cui una molecola entra di dominio pubblico, può essere riprodotta in forma generica e non perde il mercato già conquistato. Ma le aziende farmaceutiche per non perdere profitti operano in una o due piccole modifiche nella produzione del farmaco, il che lo rende tecnicamente nuovo, nuovo proprio come le nuove vendite per un’efficacia simile al vecchio farmaco.

Il professore francese Philippe Even che ha denunciato lo scandalo dice: “è meglio fare a meno di questi farmaci fino a quando non sono del tutto efficaci. Si consiglia di rivolgersi a metodi naturali come tisane o in erboristeria”.

Ultimo, il “perché” di questo scandalo al momento. Si potrebbero risparmiare i 15.000 morti ogni anno a causa di farmaci la cui efficacia resta da approfondire, ma c’è anche il lato “risparmio” che non deve essere trascurato.

Secondo il professor Philippe Even, “un terzo dei farmaci” venduto “sono inutili.” Al di là di una bassa o nulla efficacia, il rischio che comporta il loro assorbimento è puntato.

une-piste-pour-traiter-sa-maladie-sans-medicament_stopsante

‘Il 35% dei farmaci sono completamenti inutili, il 25% del tutto necessario e gli altri  occasionalmente possono essere utili’, prevede BFMTV.com, che ha lavorato per 20 anni su questo tema.

Philippe ha anche condotto una classificazione in base alla percentuale di miglioramento che porta il farmaco e la percentuale degli effetti collaterali che vanno da piccole, medie, gravi, fatale. I criteri sono identici a quelli utilizzati dal Ministero della Salute, ha detto. Alla fine, “il tasso di inefficienza è particolarmente elevato nel campo della Otorinolaringoiatria (78%) e gastrointestinali (62%)”.

La verità di Ninco Nanco

Precedente Nefertiti, «la bella che arriva»: la grande regina egiziana Successivo Influenza e vaccini: sai che un vaccino è  più pericoloso di un'influenza?