Quei bambini usati come cavie per testare un vaccino: morirono in 28.

SPINEA (VE) – «In quel maledetto marzo 1933 fummo utilizzati come cavie umane. Io sono sopravvissuto, tanti altri bambini no. Ma a tutti quei piccoli martiri non è dedicata nemmeno una targa».

Sono passati oltre ottant’anni, ma il ricordo è ancora vivo nella mente di Adamo Gasparotto, che ora abita a Spinea e di anni ne ha quasi 86. Per gli storici locali e per gli anziani residenti del paese, quella del 1933 è ricordata come “La strage di Gruaro”.

La storia, struggente, è documentata da molte ricerche storiche relative al periodo fascista. «Il prefetto e le altre autorità di allora, su indicazione del regime, scelsero i Comuni di Gruaro e Cavarzere per testare un nuovo vaccino contro la difterite – racconta Gasparotto -.

Il nostro dottore era del tutto contrario, ma evidentemente c’era il bisogno di provare sul campo il vaccino. La puntura venne fatta a 253 bambini e ben 28 morirono nei giorni seguenti. Quasi sotto silenzio».

Tra quei 253 bimbi c’erano pure Gasparotto e la sua sorellina di tre anni: «Ci somministrarono quel vaccino all’ambulatorio comunale, ma tornati a casa ci sentimmo tutti male – racconta riportando le testimonianze degli adulti dell’epoca -. Si cadeva a terra e, mangiando, si rischiava di soffocarsi.

Tutti piangevano, il paese era in apprensione. Alla fine ci dovettero ricoverare a Portogruaro, dove l’ospedale era pieno e vennero organizzati reparti di fortuna. Eravamo tutti terrorizzati, ogni tanto qualche bambino moriva e si capiva dalle urla delle mamme».

Gasparotto e la sorellina se la cavarono, e solo negli anni seguenti si chiarì quanto era successo: «Un contenitore di siero in un laboratorio di Napoli non fu fatto bollire – racconta Gasparotto -. Le fiale che finirono a Gruaro contenevano vaccino vivo, una sostanza letale».

La foto, datata 1933, ritrae una parte dei bambini di Gruaro sopravvissuti al vaccino

Tratto da www.ilgazzettino.it/

Precedente LA MORTE DELLA GRECIA: GLI AVVOLTOI E I TRADITORI DELLA PATRIA Successivo Mattarella e l'uranio impoverito...anche i poveri soldati non sono mai stati lasciati soli. Come i terremotati