“Non pago più nessuna tassa”: Il commerciante cosentino che “caccia” lo Stato dal negozio

COSENZA – Ha portato il registratore di cassa fuori dal suo negozio di Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza. Ha promesso che non batterà più uno scontrino: i soldi delle ricevute trattenuti dallo Stato andranno ai clienti sotto forma di sconto. E ha lanciato la sua singolare forma di protesta con un post (e una foto) sul suo profilo Facebook, condiviso in queste ore da migliaia di utenti.

Lui è Roberto Corsi e ha deciso di denunciare una situazione in cui si trovano centinaia di migliaia di italiani. Le difficoltà economiche, la pressione fiscale esorbitante, l’impossibilità di saldare i debiti con l’erario: di fronte a una realtà quotidiana a volte opprimente, il commerciante cosentino ha “cacciato” simbolicamente lo Stato dal suo esercizio commerciale. E molti, sul social network, prendono le sue difese.

Ecco il suo messaggio, una sorta di sfogo contro il sistema: “Non ho più nessuna intenzione di pagare le tasse a questo Stato in mano a politici ladri e criminali. Da oggi chi entrerà nel mio negozio avrà lo sconto del 21%. Quel 21% che lo Stato abusivamente mi chiede. Sono stanco di essere vessato e ricattato da persone che dovrebbero tutelarci e che non lo fanno. Sono stanco di non sapere per che cosa e per chi ho pagato le mie tasse in tutti gli anni della mia attività. Voglio che lo Stato mi dica come ha speso finora i miei soldi. Sono stanco di Equitalia e di tutte le vergognose leggi fiscali, che sono dei veri crimini verso il popolo sovrano. Sono stanco di questo Stato che elargisce stipendi e pensioni d’oro a gente che non ha mai lavorato, e che sono il frutto di leggi scritte e approvate da politici sicari al servizio dei poteri forti e criminali. Io devo, in primo luogo, proteggere, e dar da mangiare, ai miei figli e alla mia famiglia”.

E continua: “Non posso difendere il mio popolo, ma ho il dovere di difendere la mia famiglia, ho messo fuori il registratore di cassa, così facendo ho tolto i delinquenti dalla mia attività. Non mi fermerò: mentre la nave Italia viene messa con la barra dritta dalla ciurma dei governanti, io ho i figli in acqua, e nessuno mi butta un salvagente, nessuno mi butta una scaletta di salvataggio, difenderò fino alla morte i miei figli. Non pago piu nessuna tassa. Ripeto, non posso salvare un popolo, ma ho il dovere di salvare e difendere i miei figli”.

Fonte www.today.it

 

Precedente Loggia P2 complice del delitto Pasolini". In Parlamento la verità, 40 anni dopo Successivo “I POVERI? SONO COME LE BESTIE": SCALFARI ESCE ALLO SCOPERTO E INSULTA LE VITTIME DELLA CRISI

2 thoughts on ““Non pago più nessuna tassa”: Il commerciante cosentino che “caccia” lo Stato dal negozio

  1. Mandiamo tutti i politici a casa e iniziamo tutto da zero con nuove regole che il popolo deve decidere con la scrittura di una nuova costituzione.

  2. Ignazio Figuccio il said:

    Puttroppo le parole di questo negoziante si sono dimostrate verace
    è il senso della vergogna chd esiste in italia fa scatenre un senso di giustizia
    che porta alla rabbia contro a quelli che hanno la responsabilità verso un popolo che attraversano momenti molto difficile e che si sentono abbandonati specialmente quando si è in una situazione che deve pagare le tasse di cui deve decidere di darle allo stato o dare alla famiglia , laciaamo a chi dare ragione allo stato o la famiglia ? Ia famiglia . Scelta giusta .
    molti per debiti si suicidano ma sono scemi , prima viene la famiglia .

I commenti sono chiusi.