Niente elezioni anticipate, ma in compenso un regalone agli italiani: una super-patrimoniale per “restare in Europa”, imposta dal futuro governo-camomilla che sarà temporaneamente insediato, ufficialmente, solo per cambiare la legge …

Niente elezioni anticipate, ma in compenso un regalone agli italiani: una super-patrimoniale per “restare in Europa”, imposta dal futuro governo-camomilla che sarà temporaneamente insediato, ufficialmente, solo per cambiare la legge elettorale. E’ lo scenario da incubo immaginato su “Scenari Economici” da Mitt Dolcino, che cita Luigi Bisignani, autore di un intervento sulle pagine del “Tempo” in cui anticipa «una notizia conosciuta dagli addetti ai lavori da giorni». Ovvero: il giurista Sabino Cassese, già candidato al Quirinale dal Pd, sarà molto probabilmente «il prossimo primo ministro di scopo», voluto da Mattarella e «supportato in teoria da tutte le forze politiche (bugia), suppostamente per fare solo la legge elettorale». Attenzione: il nuovo governo potrebbe imporre una super-tassa alle famiglie italiane, provvedimento straordinario di cui, scrove Dolcino, lo stesso Cassese è stato ed è grande fautore. Originario di Atripalda (Avellino), Cassese è conterraneo di Pellegrino Capaldo, vicino al banchiere Cesare Geronzi. Nel 2011, in una famosa intervista al “Corriere della Sera”, Capaldo propose l’altrettanto famosa “patrimoniale differita sugli immobili”, concetto poi rilanciato dal governo francese lo scorso ottobre 2017: secondo Macron, i cittadini italiani dovrebbero pagare in base agli immobili detenuti.

Per Dolcino, il pericolo è reale: «Sono tutti d’accordo all’attuazione del progetto “imposta patrimoniale” da attuare senza colpa di alcun partito». Certamente, aggiunge “Scenari Economici”, è un progetto sponsorizzato da Movimento 5 Stelle, Pd, ForzaSabino CasseseItalia e “partiti civetta” collegati. «Tale unità di intenti, celata dietro un “governo del presidente”, è stato uno dei motivi principali per cui si è fatto di tutto per evitare un governo Lega-M5S». Secondo Dolcino, «oggi è importante preavvertire gli italiani di cosa succederà a livello “macro”, sempre che il progetto di spoliazione finale dell’Italia abbia successo». Un piano in cinque mosse. La prima: «Verrà imposto un “governo del presidente”, in cui nessun partito in particolare sarà responsabile dei provvedimenti politici presi (ratio: governo di salvezza nazionale o “del presidente”, chiamatelo come volete: tutti colpevoli, nessun colpevole)». Mossa numero due: il “governo del presidente” inizierà il suo mandato con l’unico scopo di rifare la legge elettorale, per poi tornare al voto. Tre: “casualmente”, durante il mandato «si scatenerà una crisi finanziaria che metterà alle strette le finanze statali italiane, possibilmente con un aumento dello spread», visto che l’Italia deve rinnovare nel 2018 poco meno del 20% del debito totale in scadenza quest’anno.

La tempesta “costringerà” l’ipotetico Cassese ad attuare misure straordinarie di finanza pubblica (quarta mossa). E infine: «Verrà varata un’imposta patrimoniale che certamente graverà sugli immobili posseduti dalle famiglie italiane, possibilmente Cassese con Mattarella– ma meno probabilmente – coinvolgendo anche le attività liquide». Tempistica: tra la fine del  2018 e il primo semestre del 2019. La maxi-imposta patrimoniale «sarà nell’ordine del 10% del patrimonio degli italiani o anche più», scrive Mitt Dolcino. E verrà “ingegnerizzata” in modo di non costringere a liquidare immediatamente gli asset delle famiglie, per due ragioni fondamentali: «Evitare il caos finanziario in caso di non-accettazione, e sperare che la gente non si accorga della dimensione del salasso e dunque si ribelli». Domanda: «Siete davvero pronti a pagare ad esempio l’equivalente del vostro patrimonio immobiliare per restare nell’Unione Europea? Siete sicuri che vi convenga?». Secondo Dolcino, «l’Italia è ormai pronta a dare il 50%+ dei voti al partito che farà della negazione della patrimoniale prossima ventura la sua bandiera. Anche perché, se tale patrimoniale sarà a termine (ossia non immediatamente esigibile), beh, potrà facilmente essere rinnegata a breve giro di elezioni». Nel dubbio, chiosa Dolcino: «Se qualcuno vuol comprare casa in Italia, auguri…».

Fonte Libre

Precedente La “Santa Alleanza” accelera i preparativi per la guerra con l’Iran Successivo La Siria denuncia il sostegno degli Stati Uniti all'ISIS dopo il massacro di 25 civili ad Hasaka