Luciana Alpi ancora una volta ci ha insegnato il coraggio e la dignità

Sono trascorsi ormai 23 anni da quel 20 marzo 1994, giorno in cui Ilaria Alpi è stata uccisa in Somalia. La madre ieri ha annunciato che non attenderà più la Giustizia italiana.

Ilaria Alpi aveva solo 33 anni quando è stata assassinata a Mogadiscio insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin

di Claudia Sarritzu

C’è un Paese intero che da più di 20 anni chiede la verità. Una verità che si è fatto di tutto per nascondere. Forse divulgarla ci avrebbe indignato troppo, avrebbe schifato anche un Paese come il nostro che conosce molto bene cosa sia il pelo nello stomaco e che convive senza farsi troppe domande con i misteri della storia.

Sono trascorsi ormai 23 anni da quel 20 marzo 1994, giorno in cui Ilaria Alpi, giovane giornalista, inviata del Tg3, è stata uccisa in Somalia. Ieri dopo un dolore che non fa a spiegare, mamma Luciana Alpi – la mamma di tutti i figli d’Italia che non hanno avuto giustizia- dopo aver subito anche l'”umiliazione di formali ossequi” ha preso una difficile decisione: gettare la spugna.

Ma attenzione: non si è arresa. Il suo è un altro modo di combattere. Continuare a difendere il nome di una figlia che in tanti nelle istituzioni hanno fatto finta di piangere in questi due lunghissimi decenni. Il suo è stato l’ergastolo del dolore, quello che tocca a tutti i genitori che hanno avuto la condanna di dover seppellire i propri figli, ma questa donna -personificazione della dignità di una fetta del Paese- non ha avuto la consolazione neppure di sapere che i responsabili (quelli veri) sono stati assicurati alla giustizia. Dolore doppio.

“Ho deciso di astenermi d’ora in avanti dal frequentare uffici giudiziari e dal promuovere nuove iniziative. Non verrà però meno la mia vigilanza contro ogni altro tentativo di occultamento”, ha detto la signora Luciana.

“Con il cuore pieno di amarezza, come cittadina e come madre – ha aggiunto Luciana Alpi – ho dovuto assistere alla prova di incapacità data, senza vergogna, per ben ventitré anni dalla Giustizia italiana e dai suoi responsabili, davanti alla spietata esecuzione di mia figlia Ilaria e del suo collega Miran Hrovatin. Non posso tollerare ulteriormente il tormento di un’attesa che non mi è consentita né dall’età né dalla salute”.

Viene da pensare a quelle due parole, due pietre, di Pasolini che calzano a pennello in questa vicenda torbida: Io so. Noi sappiamo chi sono i mandanti dell’assassinio di Ilaria Alpi, anche se continueranno a nasconderli.

Grazie Luciana Alpi: madre di dignità e coraggio di tutti gli italiani di buona volontà.

Il mio ultimo pensiero va Giulio Regeni, spero che mamma Paola non debba passare lo stesso inferno. L’inferno di un silenzio imposto.

 

Fonte Globalist

Precedente Il Def 2018: aumentare l’Iva o svendere Trenitalia e Poste Successivo Contro la Dynamic Manta, la più grande esercitazione di guerra della NATO nel Mediterraneo (in corso in questi giorni)