L’Italia non è un paese per “giovani” e nemmeno per “vecchi” è il paese delle Mafie.

 

Cosa può offrire l’Italia ai suoi giovani?  Molti avranno già risposto dicendo “nulla”, in realtà questo paese qualcosa la offre, una bella valigia e un biglietto per scappare via lontano, questa è l’unica offerta per realizzarsi un futuro. Hanno tolto il posto fisso, hanno tolto i soldi dove invece si doveva investire è questi sono i risultati, qui in Italia un giovane a prescindere dal tuo curriculum o dai tuoi titoli sarai costretto ad una vita stile zombi, riceverai qualche accontentino ogni tanto, giusto per permettere la tua vita ai domiciliari per giunta a casa dei tuoi, non pensare di sposarti o ad avere figli, il divano e la televisione riempiranno le tue giornate, questo è quello che ti spetta se resti. Infatti sono sempre più i giovani che finiscono gli studi e vanno via, i dati parlano chiaro l’emigrazione non cessa ne diminuisce ma è in continuo aumento. Purtroppo questa è la scelta più scontata da prendere ma non la migliore, la migliore scelta infatti è ribellarsi, unirsi e combattere per cambiare il sistema, perché ahimè il potere ci sta dividendo proprio per evitare questo, cioè la ribellione.

Se non è un paese per giovani l’Italia sarà almeno un paese per “vecchi”? No!..Sempre più pensionati lasciano l’Italia perché purtroppo questo Stato non li tutela, non si può pensare ad una vita dignitosa con 700 euro al mese, per questo ci si sposta in altri paesi, quali per esempio la Tunisia, la Bulgaria o le Canarie, dove si può pensare ad un vera rinascita, infatti li i nostri pensionati se la spassano, possono comprare casa, mangiare anche tutti i giorni al ristorante e vivere una vita cento volte, qualitativamente parlando, migliore che in Italia. Questa comunque non è la giusta da prendere, anche questa volta la giusta scelte è unirsi insieme ai giovani e cambiare il sistema, si, prendendo a calci in culo i nostri cari politici servi ormai delle banche e del capitalismo spietato.

Se i giovani vanno via, gli anziani anche, chi resta in Italia? In Italia restano le mafie, politica/massoneria/narcomafia che ormai si spartiscono questo paese quasi legalmente, investono negli stessi settori e mangiano solo loro. Il business per loro non manca mai, oggi per esempio approfittando del momento non felice a causa della guerra in  Medio Oriente, hanno trasformato l’accoglienza di chi scappa dalla guerra in un affare, infatti i diritti degli uomini vengono a mancare, si pensa prima a quanti soldi esso può far arrivare nelle tasche. Non voglio continuare il discorso, concludo dichiarando che mi sono rotto le palle di vivere così, un’altra via è possibile ma dobbiamo unirci, altrimenti tutto è inutile.

di S.M per La verità di Ninco Nanco

Precedente La crisi è solo per i poveri, "I Ricchi sempre più Ricchi" Successivo È facile lamentarsi della cattiva politica, ma siamo noi a scegliere