Libia, lo schiaffo americano a Renzi

È durata meno di ventiquattr’ore la commedia di Renzi comandante in capo, che da Barbara d’Urso finge di non avere mai pensato alla guerra. Lo schiaffo americano è arrivato immediato. “L’Italia ha pubblicamente indicato la sua volontà di inviare circa cinquemila italiani”, ha ribadito l’ambasciatore statunitense John Phillips. Ovvio che la decisione finale spetta al governo di Roma, ma – a Washington sono puntigliosi – l’ambasciatore sottolinea pesantemente: “Non si è trattato affatto di un suggerimento o di una raccomandazione da parte degli Stati Uniti”.

Perché nella politica americana, come nel wrestling, ogni colpo è ammesso tranne che le bugie.

Leggi  l’articolo originale su Il Fatto Quotidiano

Precedente Bisogna sempre ricordare perché l'8 marzo si festeggia la donna Successivo Il Sud vuole giustizia, è stanco delle chiacchiere se non seguono i fatti.