Lavoro carcerario: è la nuova schiavitù americana in regalo alle multinazionali

Le società hanno fatto pressioni per cambiare la definizione di ciò che costituisce un “crimine” e ciò che costituisce lavori forzati.

Wal-Mart è una società colpevole di usare il lavoro carcerario a scopo di lucro. Essi acquistano i loro prodotti dalle aziende agricole carcerarie, dove i lavoratori spesso devono affrontare lunghe ore in ardente calore senza cibo e acqua.

prison-labor-2

L’ elenco completo delle aziende coinvolte nello sfruttamento del lavoro carcerario include:

  • Verizon
  • Starbucks
  • ConAgra Foods
  • Procter & Gamble
  • Nintendo
  • Microsoft
  • McDonald
  • K-Mart
  • GlaxoSmithKline
  • Eli Lilly and Company
  • Costco
  • gallone
  • Cargill
  • Banca d’America
  • Bayer
  • bruco
  • Chrysler
  • John Deere
  • Exxon Mobil
  • Johnson and Johnson
  • Koch Industries
  • Merck
  • Motorola
  • Pfizer
  • Pepsi
  • Conchiglia
  • UPS
  • Wendy

 

prison88

In Texas, il lavoro penitenziario è obbligatorio. I detenuti fanno colazione alle 4:30 e iniziano a lavorare alle 6 del mattino. Di sicuro il lavoro in carcere è utile rispetto all’abbandono completo del detenuto in cella, ma è utile se il suo lavoro crea una miglioria per la società, lavori utili al sociale e non schiavi delle multinazionali per incrementare i propri profitti.

Con un settore in carcere a scopo di lucro, abbiamo seriamente bisogno di rivalutare il metodo che usiamo per cercare lavoro.

 

di S.M. per La verità di Ninco Nanco

Precedente Gli operai in Italia: tra schiavi del just in time e bassi salari Successivo CONTINUA IL BOOM POST-BREXIT DELL’ECONOMIA INGLESE