La routine di un 20enne italiano, quello che molti non vedono in un paese malato.

I pensieri di Nessuno:

Guardate che ci hanno fregato alla grande, mi guardo intorno e vedo amici e coetanei, mi metto anch’io in mezzo con le mani legate. Per le generazioni passate era diverso, si aveva un lavoro fisso e una paga adeguata così si è creato un futuro, costruito una casa ecc. Per noi non è così, noi non abbiamo queste possibilità restando in Italia, in Italia siamo al guinzaglio,  non guadagnamo abbastanza per pensare al futuro ne per realizzare i nostri sogni, quei quattro soldi li buttiamo in alcolici droghe o slot machine…giusto per sentirsi vivi, quanto basta per continuare ad andare avanti. Non è neanche lo sballo del sabato sera per divertirsi, quello che ci sono passati tutti o quello che ancora si vive all’estero, è lo sballo da depressione, di rassegnazione, giusto per…o questo o niente. Siamo cresciuti con la tv che ci mostrava una vita che noi non possiamo più permetterci, ci siamo illusi e oggi non abbiamo neanche la forza per ribellarci, siamo soltanto figli di questa società malata. Io non dovrei dirle ste cose perché tradisco me stesso e la mia generazione ma qualcuno deve rendersi conto del periodo buio che stiamo vivendo!  Siamo arrivati al punto che se vai da un commercialista per aprire un attiva, è lui il primo a dirti.. ma sei pazzo? Vuoi rovinarti?  Lascia stare. Io fosse per me sarei restato a vivere in Italia, ma non posso stare in questa Italia a lungo perché mi ammalo come tutti gli altri..e quindi vado e vengo da questo paese tanto caro tanto infame…ma credetemi stiamo messi male!  Ma chi ce la da una mano?

Precedente La Terra ha perso oltre la metà delle specie vertebrate in 40 anni Successivo I nonni non muoiono mai: diventano invisibili