LA MAMMA CHE PIANTA MILIONI DI ALBERI IN MEMORIA DEL FIGLIO PER FERMARE LA DESERTIFICAZIONE 

Si chiama Yi Jiefeng ed è originaria di Shanghai. Negli ultimi dodici anni ha piantato milioni di alberi in Cina con l’obiettivo di rimboschire l’arido deserto di Alashan e per mantenere viva la memoria del figlio scomparso 16 anni fa.

Nel 2000 suo figlio Yang Ruizhe è rimasto ucciso durante un tragico incidente in Giappone, un evento che ha gettato la madre nello sconforto. Il figlio le aveva raccontato il sogno di voler intervenire per fermare l’avanzata del deserto nel Nord della Cina e la donna ha ricordato le sue parole e ha cercato di impegnarsi per esaudire il suo desiderio.

donna_alberi_1

Yi Jiefeng ha fondato l’associazione nonprofit Green Life nel 2003. All’inizio la donna e suo marito hanno incontrato delle difficoltà nel piantare gli alberi in una zona desertica ma con il tempo la situazione è migliorata, anche grazie all’aiuto di alcuni esperti forestali.

L’associazione Green Life sta trasformando il progetto in qualcosa di molto più ampio: si piantano nuovi alberi in una zona desertica ma si lavora anche per diffondere una maggiore consapevolezza sul degrado del suolo. In Cina ampie praterie si stanno trasformando in zone desertiche a causa dell’aridità e della scarsità delle piogge. Colpa, probabilmente, dei cambiamenti climatici.

donna_alberi_2

Secondo Yi Jiefeng la Cina ha un problema di desertificazione davvero grave. Se la situazione continua a peggiorare metterà in difficoltà la popolazione. Yi Jiefeng ha avvertito un vero e proprio senso di responsabilità e ha deciso di agire, per il bene della Cina e in memoria di suo figlio.

Nel progetto Yi Jiefeng e suo marito hanno investito i risparmi di una vita e ora stanno raccogliendo fondi attraverso la loro associazione. Dato che per il momento i fondi sono comunque limitati, si possono permettere di avere a disposizione solo una piccola squadra di lavoro, mentre ci sarebbe da fare di più.

da greenme.it

Precedente In Italia sfruttando l'accoglienza i soliti noti si sono fatti gli Hotel di lusso.  Successivo Robert Freeman: Tappa per tappa, come gli Stati Uniti hanno creato l'Isis