Influenza e vaccini: sai che un vaccino è  più pericoloso di un’influenza?

Molti esperti medici concordano oggi che è più importante per voi e la vostra famiglia la protezione dal vaccino contro l’influenza che la stessa influenza.

a-5

Ogni anno, l’industria farmaceutica e il media mainstream lavorano sodo per convincerci a farsi vaccinare contro l’influenza. Ma non si dice tutta la storia. Quello che noi non sentiamo sono i casi di reazioni avverse o le sostanze chimiche e tossiche che abbiamo iniettato.

  • In realtà, il vaccino contro l’influenza fa male.

Avete mai notato come i bambini vaccinati ammalano quasi immediatamente dopo la vaccinazione? Questo perché il virus dell’influenza viene introdotto nel corpo. Così si sensibilizza solo il corpo contro il virus. E il fatto che rende la gente ammalata dopo la vaccinazione indica immunosoppressione (soppressione medica del sistema immunitario).

  • I vaccini antinfluenzali contengono altri ingredienti nocivi come il mercurio.

L’industria farmaceutica, gli esperti medici, e i media mainstream sono sinceri nel dirci che i vaccini contro l’influenza contengono ceppi del virus dell’influenza. Essi tendono meno a rivelare, la lista è lunga, gli altri ingredienti che sono presenti nel vaccino. Ora sappiamo che i vaccini contro l’influenza contengono mercurio, un metallo pesante di cui si conoscono i dati di pericolosità per la salute umana. La tossicità del mercurio può causare depressione, perdita di memoria, malattie cardiache, problemi respiratori, problemi di salute orale, gli squilibri digestivi e altri gravi problemi di salute.

  • Il vaccino contro l’influenza può causare la malattia dell’Alzheimer

Ora ci sono prove che i vaccini contro l’influenza possono causare la malattia dell’Alzheimer. La ricerca condotta dal Dr. Hugh Fudenberg, specialista in immunologia, ha dimostrato che in coloro che regolarmente si sono vaccinati contro l’influenza  aumenta il rischio di Alzheimer del 10%. Egli ritiene che questo sia dovuto alla combinazione tossica di alluminio e mercurio nel vaccino.

  • Le stesse persone che consigliano di vaccinarti contro l’influenza stanno facendo miliardi di dollari ogni anno.

Nell’agosto 1999, la commissione per la riforma del governo ha avviato un’indagine nella politica di immunizzazione federale. Questa inchiesta si è concentrata sui potenziali conflitti di interesse da parte della Food and Drug Administration (FDA) e il Centers for Disease Control and Prevention (CDC). L’indagine ha scoperto che molte persone sedute nei due principali comitati consultivi avevano legami finanziari con aziende farmaceutiche che producono i vaccini. Spesso, ha concesso deroghe a questi individui per partecipare pienamente alle discussioni che portano a raccomandazioni sul rilascio delle licenze di vaccini e di vaccini per l’immunizzazione dei bambini. Che di per sé crea seri dubbi circa l’efficacia di vaccini contro l’influenza.

  • La mancanza di prove reali sui benefici sui bambini dei vaccini contro l’influenza

51 studi che hanno coinvolto 260.000 bambini di età compresa tra 6 e 23 mesi hanno stabilito che non c’è alcuna evidenza che il vaccino contro l’influenza sia stato più efficace del placebo. Inoltre, i vaccini contro l’influenza proteggono solo contro alcuni ceppi del virus che significa che si può facilmente prendere l’influenza, se si entra in contatto con un diverso ceppo del virus.

  • Il vaccino ti rende più suscettibili alla polmonite e altre malattie infettive.

Per qualcuno che ha un sistema immunitario già indebolito, l’iniezione di ceppi di virus influenzale può avere conseguenze devastanti. Se il vostro corpo è già al lavoro per la lotta contro un virus o ha un funzionamento facile con una bassa immunità, l’iniezione di un vaccino potrebbe gravemente portare un’influenza con sintomi più forti, o peggio ancora la polmonite e di altre malattie contagiose.

  • Disturbi vascolari

La ricerca medica dimostra che i vaccini contro l’influenza sono associati ad un aumento del rischio di infiammazione vascolare. I sintomi includono febbre, dolore alla mandibola, dolori muscolari, dolore e rigidità del collo, braccia, spalle e fianchi e mal di testa.

  • I bambini sotto un anno sono a rischio

I bambini sotto un anno sono molto vulnerabili a una violazione del centro nervo sensibile che circonda il cervello e il sistema nervoso centrale. Il primo vaccino contro l’influenza si somministra all’età di 6 mesi. Un bambino di età inferiore a un anno non ha la protezione per evitare il rischio di un deterioramento precoce della barriera emato-encefalica.

  • Aumento del rischio di narcolessia

Ci sono state decine di casi di bambini in 12 paesi che hanno sviluppato la narcolessia (un disturbo del sonno cronico) dopo aver ricevuto il vaccino contro l’influenza. Lo studio, che ha avuto luogo tra ottobre 2009 e dicembre 2011, rispetto a 3,3 milioni di svedesi vaccinati e 2,5 milioni di persone che non sono state vaccinati. Il rischio più elevato è stato trovato tra i giovani che erano stati vaccinati. Il rischio di narcolessia è stato tre volte superiore.

  • Si indeboliscono le reazioni immunitarie

Ci sono stati migliaia di articoli da riviste mediche che hanno pubblicato che i vaccini portani a reazioni immunologiche avverse e a una miriade di altre infezioni. Inoltre, le risposte immunitarie si indeboliscono e riducono le capacità di una persona di combattere la malattia.

  • Gravi disturbi neurologici

Le prove ora indicano che gli ingredienti che si trovano nei vaccini contro l’influenza possono effettivamente causare gravi disturbi neurologici. Nel 1976, un numero significativo di coloro che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza ha avuto la sindrome di Guillain-Barré (GBS), una malattia caratterizzata da danni permanenti ai nervi e persino paralisi. I vaccini influenzali possono contenere molti componenti nocivi, tra cui detersivi, mercurio, formaldeide e le tensioni che vivono di influenza.

La verità di Ninco Nanco

Precedente Secondo il professor Philippe Even, 1/3 dei farmaci utilizzati non servono a nulla! Successivo Batosta meritata: 46 anni di carcere confermati per 9 grandi banche islandesi