Indonesia: uno dei più grandi disastri ambientali del 21° secolo

Si dice che sia uno dei più grandi disastri ambientali del 21° secolo, vaste parti dell’Indonesia sono attualmente in fiamme, sono incendi boschivi causati da tutta una serie di politiche ambientali sbagliate.

ind1-700x420

A causa della deforestazione, la terra è scarsa, i canali sono prosciugati e la foresta pluviale è in fiamme il tutto per estendere le piantagioni. L’olio di palma è uno dei principali motivi per la compensazione delle foreste pluviali.

I media non hanno riportato nulla di ciò che sta accadendo. Gli incendi in tre settimane hanno rilasciato più CO2 rispetto alle emissioni annuali della Germania.

Questi incendi sono una tragedia ancor più grande in quanto si verificano in una parte del mondo che è già fragile e ha perso tante specie di animali in via di estinzione, il futuro sembra tetro per gli oranghi, tigri e rinoceronti che una volta il rigoglioso verde della foresta era la loro casa, ora è stato sostituito da un inferno ardente.

L’inquinamento proveniente dalle emissioni sta causando anche devastazione nella popolazione umana. Ai residenti sono state consegnate maschere da indossare, l’aria è densa e acre, solo smog nero. I politici sono costretti a indossare le maschere addirittura in parlamento.

ind2-699x420

Così mentre le foreste bruciano anche il suolo si incendia. Un sacco di terra è fatta di torba, che brucia per settimane, a volte mesi, quando prende fuoco. Gas pericolosi, come il metano, il monossido di carbonio, ozono e gas esotici come il cianuro di ammonio vengono rilasciati nell’aria e non c’è altra scelta per tutti che respirare questo mix.

Il presidente indonesiano Joko Widodo è in una posizione difficile. Lui sa quanto sia pericoloso il processo di deforestazione, ma anni di corruzione e di rapporti litigiosi tra lo Stato e la gente porta avanti l’azienda  come al solito, con menzogne.

Mentre i media hanno scelto di non segnalare questa storia nel mainstream, sembra che non vi è nulla da fare per fermare questo processo orribile. Siamo in grado, dobbiamo! avere la necessità di ostacolare la produzione dell’olio di palma nel mondo, scegliendo di boicottare le aziende che lo utilizzano nei loro prodotti.

 

daLa verità di Ninco Nanco

Precedente Sondaggio-choc: 2 italiani su 3 vogliono tenersi euro e Ue Successivo Gli operai in Italia: tra schiavi del just in time e bassi salari