In Etiopia le serre che generano acqua potabile gratis ogni giorno, ecco il progetto

Roots Up Dew Collector ‘s è un particolare tipo di serra che può aiutare gli agricoltori in climi aridi per coltivare verdure fresche, anche durante periodi di siccità. Dedicata alla creazione di un sistema di fattorie autosufficienti in Etiopia, la serra aiuta a raccogliere la rugiada che altrimenti evaporerebbe in atmosfera. Con il collettore di rugiada, gli agricoltori possono aumentare il numero delle piante protette e produrre acqua pulitasia per l’irrigazionee che per l’uso personale.

serra

La serra a forma di cupola si attiva quando le temperature aumentano sotto il sole di mezzogiorno, causando la salita del vapore. Con l’umidità contenuta, il punto superiore della struttura cattura questa evaporazione prima che sia in grado di sfuggire nell’atmosfera. Al calar della sera, la parte superiore della serra viene quindi aperta tirando le corde collegate al fermo, esponendo le goccioline raccolte per raffreddare l’aria. Un VIDEO del progetto:

Quelle gocce poi si raffreddano e condensano, cadendo in una cisterna di stoccaggio. L’acqua raccolta può quindi essere utilizzata per gli impianti di irrigazione o come acqua potabile. Questo sistema può essere ripetuto ogni giorno, permettendo alle piante di prosperare, mentre l’umidità in eccesso viene catturata e salvata per un uso futuro.

Oltre che come serra, l’invenzione può essere usata anche come collettore di acqua piovana, assicurando che le gocce preziose siano salvate ed inserite, invece di essere assorbite nel terreno.

serra-acqua-rugiada

Roots Up  prevede di lanciare la sua prima serie di serre rugiada nel nord dell’Etiopia, in collaborazione con l’Università di Gondar. Il collettore di rugiada è solo una parte della missione per produrre una forma di agricoltura autosufficiente nella comunità del Nord Etiopia.

da globochannel.it

Precedente Trivelle in crisi: il Governo aveva mentito, allarme sul futuro degli impianti Successivo Depenalizziamo tutte le droghe: non solo quelle leggere. Lo chiede il Times, con valide argomentazioni: