Il salmone biologico è più tossico del salmone convenzionale: consigli per i consumatori

“Tutto ciò che non è roseo nel paese di salmone” e soprattutto nel bio, studio avanzato di “60 milioni di consumatori”.

screenshot_2016-12-03-22-10-23

“Tutto ciò che non è roseo nel paese di salmone.” Tre anni dopo la crisi innescata nel 2013 da una relazione molto critica televisiva sulle condizioni di allevamento del pesce,  “60 milioni di consumatori” hanno analizzato il contenuto inquinante nei tranci di salmone fresco e di salmone affumicato proveniente dai canali convenzionali e bio.

Per lo studio sono stati analizzati salmoni provenienti dalla Scozia, Irlanda e Norvegia, sia dagli allevamenti convenzionale che dagli allevamenti biologici. Sono stati esaminati per il loro grasso, il profilo degli acidi grassi, la contaminazione di metalli e pesticidi.

I risultati confermano che un pesce grasso è più probabile che contenga sostanze tossiche: il salmone venduto nei raggi freschi e proveniente da allevamenti bio ha una contaminazione superiore a quella del salmone convenzionale e in proporzioni maggiori rispetto ai test condotti nel 2014 .

Il salmone fresco proveniente dai canali convenzionali di Norvegia o l’Irlanda è meno contaminato rispetto a prima. “E ‘migliorato in modo significativo nel corso degli ultimi anni”, dice Patricia Chairopolous, giornalista autore della ricerca, uniti dalla AFP . Questi pesci “stanno bene, non abbiamo trovato metalli, PCB, pesticidi, residui di farmaci veterinari”, ha aggiunto.

I salmoni bio invece mostrano segni di contaminazione da metalli e/o diossine, PCB e pesticidi. Tuttavia, nessuno dei pesci testato ha mostrato alcun contenuto di queste sostanze inquinanti ha superato i limiti normativi massimi, e tutti erano quindi sicuri per la salute.

Secondo l’associazione, l’ambiente ha un effetto minimo sulla contaminazione del pesce. Questo è causato dal pasto e dagli oli presenti nella loro dieta. In entrambi i casi, i salmoni vengono alimentati principalmente con razioni vegetali, ma anche farina di pesce, maggiormente bio.

 

Come scegliere il salmone?

Questi risultati non significano che il salmone è diventato “un veleno e che non dovremmo mangiare più”, tempera il giornalista. Ma può “richiamare i produttori ad essere più vigili sulla natura e la pulizia della fornitura del pesce di allevamento L’associazione dà alcuni consigli per i consumatori:  

– Assicurarsi che il colore del salmone sia uniforme.

– Evitare il pesce la cui confezione dice “non ricongelare.”

– sottolineare la parola “Salatura con sale secco.”

– non superare le due o tre settimane dopo la data di produzione.

 

di S.M. per La verità di Ninco Nanco

Precedente Sempre più Veterani arrivano a Standing Rock per proteggere i manifestanti dai poliziotti Successivo L’Amazzonia è sempre più spoglia, in crescita la deforestazione