Il nuovo presidente del Brasile minaccia apertamente gli indigeni amazzonici

Insieme al suo impegno a vendere la loro casa nella foresta pluviale all’agribusiness e alle miniere, Bolsonaro ha detto apertamente che “le minoranze dovranno adattarsi … o semplicemente scomparire”

Il nuovo presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha promosso un piano per vendere le parti più importanti della foresta pluviale amazzonica all’agrobusiness, alle miniere. e l’energia idroelettrica.

“Le minoranze devono adattarsi alla maggioranza, o semplicemente scomparire”, ha detto sul percorso elettorale , aggiungendo che sotto la sua amministrazione, “non un centimetro quadrato” del Brasile sarà riservato alle popolazioni indigene del paese.

Il 13% del territorio brasiliano è protetto dal territorio indigeno nella foresta pluviale amazzonica, dove si rifugiano la maggior parte delle ultime tribù incontattate del mondo. Bolsonaro ha detto che vuole mettere tutto quel terreno sul blocco dell’asta.

Dopo la sua elezione, il 28 ottobre, ha annunciato la fusione dei ministeri dell’agricoltura e dell’ambiente – l’ultimo dei quali avrebbe dovuto regolamentare il primo – in un nuovo “super ministero” per supervisionare il suo piano.

Il nuovo ministero sarà guidato da politici del “manucapo caucus”, un gruppo di legislatori che si sono storicamente opposti alla conservazione della terra indigena, sostenuto l’espansione agricola e tentato di allentare le leggi sul lavoro degli schiavi.

Non solo questo è un grave attacco ai diritti umani degli indigeni brasiliani, ma anche alla loro capacità di continuare a comportarsi come i migliori difensori delle foreste del mondo “, scrive Becca Warner, giornalista ambientalista di The Ecologist .

“Abbiamo bisogno di tutta la foresta che possiamo ottenere, per catturare il carbonio dall’atmosfera e tenerlo bloccato”, dice. “In effetti, gli scienziati concordano sul fatto che arrestare la deforestazione è altrettanto urgente quanto ridurre le emissioni”.

Bolsonaro dovrebbe avere pochi problemi a spingere la sua agenda attraverso il Congresso, poiché è attualmente dominata da un’alleanza politica a tre ali nota come Bancadas do Boi, do Bíblia e da Bala.

In inglese, questi sono i rappresentanti politici di “Beef” (ranch e agroalimentare), “Bibbia” (conservatori religiosi) e “Bullet” (i militari).

Le popolazioni indigene e i loro sostenitori dicono che la nuova spinta ad aprire terre boschive protette all’agricoltura e alle miniere ha chiare implicazioni genocide .

Più di 20 attivisti per i diritti dei terreni sono stati uccisi in Brasile finora quest’anno, con la maggior parte dei decessi legati a conflitti sul disboscamento e sull’agricoltura

Una cinquantina di attivisti per i diritti alla terra sono stati uccisi in Brasile l’anno scorso per aver cercato di proteggere le foreste dal disboscamento illegale e dall’espansione dei ranch e delle piantagioni di soia, secondo Global Witness.

Precedente Myss: il segreto della prostituta che vive in ognuno di noi Successivo Le celebrità di Hollywood hanno raccolto $ 60 milioni per l'esercito israeliano (ai Palestinesi chi ci pensa?)

2 commenti su “Il nuovo presidente del Brasile minaccia apertamente gli indigeni amazzonici

  1. Caio Milani il said:

    Purtroppo c’è un movimento della sinistra brasiliana che promuove fakenews all’estero specie su tematiche che riguardano gli índios , l’amazzonia , il militarismo , la democrazia , l’omofobia , il sessismo ed altro . È impossibile pensare che il nuovo governo promuoverà il genocidio in Brasile. Esistono delle leggi promulgate dal parlamento che riguardano la salvaguardia delle comunità degli índios così come la società civile assieme al parlamento e alle corte di giustizia non avrebbeero mai permesso un simile orrore qualora queste fake news risultassero minimamente vere. Purtroppo le notizie false prevalgono all’estero dovute alle propagande di sinistra che hanno perso nelle ultime elezione e che continueranno a utilizzare tutti i mezzi possibile per trasmettere una realtà falsa del nuovo governo che sarà stabilito a partire del 01 gennaio 2019.Sono Italo-brasiliano e veramente trovo sconcertante il fatto che coloro che non vivono in Brasile e non conoscono la realtà di questa società si permettono di fare commenti specie su dele notizie completamente false.

Lascia un commento

*