Il Colorado vuole usare i soldi della cannabis legale per dare una casa a tutti i cittadini

Il governatore del Colorado, John Hickenlooper, ha proposto di cambiare la legge sulla cannabis in Colorado, per permettere di utilizzare parte dei proventi delle tasse per garantire un’abitazione ai senzatetto. L’obiettivo è quello di utilizzare a questo scopo 18,3 milioni di dollari per il prossimo anno fiscale.

screenshot_2017-01-12-18-59-09

La proposta prevede di utilizzare 12,3 milioni per costruire 1.500 nuove unità abitative per i senzatetto, 4 milioni di dollari per acquistare o costruire 354 unità abitative da destinare ai servizi sociali e psichiatrici ed altri 2 milioni di dollari in incentivi per aggiungere 250 unità abitative a prezzi accessibili per gli anziani e coloro che devono affrontare l’aumento dei prezzi provocato dal processo di gentrificazione che sta colpendo diversi quartieri delle grandi città, a partire da Denver.

John Hickenlooper, che sta iniziando il secondo mandato da governatore, è da sempre particolarmente impegnato nella battaglia per il diritto alla casa. Quando era sindaco di Denver (2003/2011) come prima mossa da sindaco istituì una commissione incaricata di studiare un piano per risolvere il problema dei senzatetto in dieci anni.

L’obiettivo non è stato raggiunto ma molti passi avanti sono stati fatti e quest’anno lo stato del Colorado ha potuto annunciare di aver dimezzato il numero delle persone che vivono in strada rispetto al 2010,nonostante la crisi economica che ha diminuito le risorse a disposizione per i progetti sociali.

Ora per portare a termine il suo progetto di governare uno stato dove tutti abbiano una casa il governatore punta sui proventi della cannabis, che nei primi nove mesi del 2016 hanno generato entrate pari a 134 milioni di dollari. Per farlo però dovrà riuscire a far votare una modifica alla legge sulla legalizzazione che attualmente prevede che gli introiti debbano essere utilizzati esclusivamente per l’applicazione della legge, l’assistenza sanitaria, la prevenzione dell’abuso di sostanze ed i programmi di trattamento e recupero.

da dolcevitaonline.it

Precedente La truffa dei contributi silenti I.N.P.S. Ecco cosa sono e come “spariscono” i soldi dei contribuenti. IL VIDEO Successivo I “Moso”: una società senza mariti e senza mogli