I TRE SETACCI DI SOCRATE

I tre setacci di Socrate

Un giorno Socrate fu avvicinato da un uomo in piena agitazione che gli disse:

«Ascolta Socrate, ti devo raccontare qualcosa d’importante sul tuo amico.»

«Aspetta un attimo», lo interruppe il saggio, «hai fatto passare ciò che mi vuoi raccontare attraverso i tre setacci?»

«Tre setacci?», chiese l’altro meravigliato.

«Sì, mio caro, vediamo se ciò che mi vuoi raccontare passa attraverso i tre setacci. Il primo setaccio è quello della verità: sei convinto che tutto quello che mi vuoi dire sia vero?»

«In effetti no, l’ho solo sentito raccontare da altri.»

«Ma allora l’hai almeno passato al secondo setaccio, quello della bontà? Anche se quello che vuoi raccontare non è del tutto vero, è almeno qualcosa di buono?»

L’uomo rispose esitante: «Devo confessarti di no, piuttosto il contrario…»

«E hai pensato al terzo setaccio? Ti sei chiesto a che serva raccontarmi queste cose sul mio amico? Serve a qualcosa?»

«Beh, veramente no…»

«Vedi?», continuò il saggio, «Se ciò che mi vuoi raccontare non è vero, né buono, né utile, allora preferisco non saperlo e ti consiglio di dimenticarlo»

 

La storia dei  tre setacci di Socrate è un grande insegnamento per portarci a riflettere prima di parlare male degli altri o ascoltare le maldicenze altrui.

Pensiamo sia capitato a tutti di cedere alla tentazione di parlare male di qualcuno, senza avere l’assoluta certezza che la critica fosse fondata. Sicuramente avremo raccolto le critiche o maldicenze fatte da qualcun’altro.

Con i mezzi di comunicazione che abbiamo a disposizione poi, le maldicenze hanno un effetto a macchia d’olio e, per questo, molto più pericolose. Ai tempi di Socrate non esistevano certo la televisione ed i social network, eppure …

Questa tendenza si può manifestare in qualsiasi ambito, ma è particolarmente presente nel mondo del lavoro, soprattutto nei gruppi composti da tante persone. Quando le invidie, le critiche e le maldicenze prendono il sopravvento, è una vera e propria sciagura, e può far crollare anche il migliore dei progetti.

 

Precedente Scatta l’allarme: “Non friggete con olii vegetali, provocano il cancro” Successivo Mujica: legalizzazione, esempio di lotta al narcotraffico!!