Stephen Kinzer, ex inviato New York Times: “I media statunitensi ingannano l’opinione pubblica sulla Siria”

Secondo uno dei veterani del giornalismo USA ed ex corrispondente del New York Times, Stephen Kinzer, le notizie sulla Siria sono scritte a Washington, senza sentire le voci sul terreno. Una “vergogna per il giornalismo”, secondo Kinzer.

Stephen Kinzer, in passato inviato in oltre 50 paesi per il New York Times, ha denunciato “uno degli episodi più vergognosi” della sua professione a causa della copertura distorta data al conflitto siriano ed al ruolo che svolgono i vari paesi coinvolti. La sua rubrica sul quotidiano The Boston Globede scrive ciò che sta accadendo in città e nel governatorato di Aleppo.

I militanti dei gruppi armati anti-governativi provocano devastazioni in città mentre esercito siriano e l’Air Force russa li spingono fuori da Aleppo, ha scritto Kinzer riferendosi a notizie “dal campo”.

Il giornalista cita la testimonianza di un abitante della città pubblicata nelle reti sociali: “I ‘ribelli’ moderati’ protetti da Turchia e Arabia Saudita attacano la periferia di Aleppo con razzi non guidati e bombole di gas.” Il politologo libanese Marwa Osma ha sostenuto che le truppe Damasco sono l’unica forza che, insieme ai suoi alleati, sta combattendo lo Stato islamico sul terreno. Stephen Kinzer lamenta che i media USA non sentono o non citano queste voci chiare.

“Questo non va bene per la narrazione di Washington”, ha spiegato. “Pertanto, la maggior parte della stampa nordamericana dice il contrario di ciò che effettivamente accade. Molte notizie suggeriscono che Aleppo è stata una ‘zona liberata’ per tre anni, ma ora è ridotta alla miseria”, ha aggiunto Kinzer.

Secondo il giornalista, agli statunitensi  suggeriscono che è più decente che in Siria si combatta contro il governo di Bashar al Assad ed i suoi alleati russi e iraniani. Si presume che l’esito più auspicabile sarebbe la vittoria di una coalizione ‘onesta’ di americani, turchi, sauditi, curdi e ‘opposizione moderata.

“È una sciocchezza”, ha sostenuto Kinzer, rimettere in discussione l’esistenza stessa di un tale coalizione. Ma dice che non è colpa dei cittadini nordamericani, se crede a questa versione di ciò che sta accadendo in Siria. “Non abbiamo quasi nessuna informazione reale su chi combatte, obiettivi o tattiche. Gran parte della colpa è dei nostri media”, ha sottolineato il giornalista.

“Sotto intensa pressione finanziaria, la maggior parte dei giornali, riviste e reti degli Stati Uniti hanno drasticamente ridotto le loro squadre di corrispondenti all’estero. Molti importanti novità sul mondo ora provengono da giornalisti con sede a Washington”, ha lamentato Kinzer.

“In questo ambiente, l’accesso [alle informazioni] e la credibilità dipendono dalla accettazione dei paradigmi ufficiali. I giornalisti che coprono la Siria sono portati ad avere contatto con il Pentagono, il Dipartimento di Stato, la Casa Bianca e gli “esperti” dei centri di studio. Dopo un giro sulla giostra sporca pensano di aver coperto tutti i lati della storia”. In questo modo si genera in USA “l’unica fonte delle notizie sulla Siria”, ha concluso Kinzer.

 

fonte www.lantidiplomatico.it 

I commenti sono chiusi.