Hong Kong: Persone che vivono come animali in gabbia

E’ una delle aree più densamente popolate al mondo. In una città dove anche i pedoni sono stipati come sardine in una scatola, l’utilizzo dello spazio è fondamentale.

Quando gli appartamenti sono ridotti a cubicoli impilati uno sopra l’altro e le camere hanno una superficie di meno di 10 metri quadrati, non è il caso di chiamare questo luogo “casa”.

La parola casa evoca sensazioni di comfort e di sicurezza. Invece, milioni di famiglie sono costrette in queste scatole, come disperati animali in gabbia ..

blog-1

 

blog-2

 

Il quartiere Mong Kok, uno degli affollatissimi condomini dei quartieri periferici. Le camere hanno lo spazio appena sufficiente per contenere un letto singolo. L’affitto è di circa $ 185 al mese.

blog-3

La realtà di questi appartamenti/cubicoli significa spazi angusti e condizioni di vita estremamente difficili; per molti dei residenti si tratta di una vera sfida tra mente e materia…

blog-4

blog-5

Secondo un utente Quora (una piattaforma Q&A – Question and Answer, domanda e risposta) dalla forte impronta Social, uno spazio così piccolo non è un problema per chi non ci vive quasi mai. L’utente spiega che un suo amico, un avvocato benestante, ha scelto di vivere in questi appartamenti perché sono a buon mercato, vicini a tutto e c’è abbastanza spazio per metterci tutto ciò che possiede.

“Lui non mangia lì. L’unico cibo che ho visto sono barattoli di proteine del siero”, scrive l’utente Quora. “Dorme (in media solo 4-6 ore a notte) lì, ma fa anche sonnellini in ufficio. Probabilmente si fa più spesso la doccia in palestra che in casa. Non sono nemmeno sicuro che faccia spesso sesso lì dentro.”Mentre questo stile di vita può funzionare per alcune persone, altre non hanno il lusso di poter scegliere, e di stare lontano da casa per tutto questo tempo.

blog-6

 

blog-7

 

Molti dei residenti riescono a trovare il modo di pensare positivo.

Un altro utente scrive: “Quando sono arrivato a Hong Kong ho vissuto in un posto di 21 metri quadri. Mia moglie era incinta del mio primo figlio e non c’era l’ascensore, così ho dovuto portarla per sei piani, tre volte al giorno, su e giù. Quando il bambino è nato l’appartamento è diventata la nostra prima casa e ho un sacco di dolci ricordi lì. Quindi la mia conclusione è che non è importante quanto sia grande quel posto, dipende da chi è la persona che ci vive e da come concepisce spazio e funzionalità”.

blog-8

 

blog-9

Vivere in appartamenti/cubicolo di Hong Kong porta a mettere in evidenza la qualità piuttosto che la quantità. Non c’è uno spazio da riempire con mobili alla moda o una scorta infinita di costosi soprammobili. Gli oggetti materiali non fanno la casa. La realtà di questi spazi non è sempre bella, ma i residenti non lasciano che siano quattro piccole pareti a definire la loro vita.

blog-10

“Mi ci è voluto un po ‘prima di convincermi che questo è un dato di fatto, che così è, e che così sarà. Quindi tanto vale scegliere il meglio al peggio “, scrive un residente di Hong Kong.

“Una volta che questo pensiero è entrato nella tua mente, la vita diventa facile. L’appartamento è solo un luogo dove si dorme. Nient’altro.”

Precedente Veneto, interferenti endocrini nell’acqua potabile. Decine di migliaia di cittadini contaminati dai Pfas, le sostanze perfluoroalchiliche Successivo Ambiente: aumentano i pesticidi nella acque, record di glifosato