Gli uomini si dividono in tre categorie: Schiavi inconsapevoli, Schiavi consapevoli e Liberi.

Al mondo non siamo tutti uguali e questo è palese a tutti, ho voluto in questa riflessione dividere, o per meglio dire classificare gli uomini non per credo o cultura ma in queste tre categorie:

  • Schiavi inconsapevoli
  • Schiavi consapevoli
  • Uomini liberi

Gli schiavi inconsapevoli sono coloro che non si pongono alcuna domanda, sono così abituati al “sistema” che non credono possa esistere una soluzione migliore di quella che gli viene offerta. Accettano leggi, soprusi e qualsiasi cosa venga detta da una persona all’apparenza qualificata, se poi a dirlo è una persona niente che di meno in TV allora per loro non ci sono dubbi. Un grave problema a riguardo degli schiavi inconsapevoli è che purtroppo fanno quello che gli viene detto, in questo modo, non prendendo un’iniziativa personale, magari anche migliore, il pianeta non può trarre nessun beneficio da essi.

Gli Schiavi consapevoli invece chi sono? Bene, uno sono io, anche tu che stai leggendo questo articolo. Siamo consapevoli di tutto quello che accade, di ogni inganno, di ogni sopruso, perché il nostro istinto ci porta a cercare sempre la verità, a non fidarci delle prime cose che ci vengono dette, dobbiamo conoscere e studiare tutte le versioni, fonti e documentazioni possibili per arrivare alla nostra verità. Nonostante tutto non riusciamo comunque ad uscire dalla condizione di “schiavo”, anche se già essere consapevoli è un passo avanti verso il cambiamento.

Ed infine ci sono loro gli uomini liberi che ora più che mai invidio, loro che vivono nelle riserve, nelle tribù o comunque a contatto con la natura e rifiutato il “progresso”. Sotto alcuni aspetti la loro società è più evoluta della nostra, ad esempio non hanno il bisogno di “guardie” per controllarsi come avviene da noi con i vari corpi di polizia, non esistono prigioni ecc.  Loro hanno capito il vero senso  della vita, loro non vogliono vivere “in testa alla piramide” ma vivere in sintonia con la natura, il loro “oro” la loro “banca” da proteggere ad ogni costo è proprio lei la Natura che ci ha dato la vita. È questo che spesso la nostra “civiltà” dimentica.

di S.M per La verità di Ninco Nanco

Precedente INFRASTRUTTURA FERROVIARIA: L’ARGINE CHE PROIBISCE LO SVILUPPO DEL SUD Successivo Strage a Nizza, camion contro la folla. Procura: “Almeno 80 morti, 100 i feriti”. Prefettura: “Attentato terroristico”