Giovani laureati del Sud Europa. Non è immigrazione ma esproprio voluto dall’Unione Europea.

I dati sull’emigrazione giovanile dicono di 250 mila giovani che mediamente vanno via dall’Italia ogni anno. A differenza del passato, una parte considerevole sono laureati e lavoratori qualificati. Vanno in Germania, Regno Unito ed in generale nei Paesi del Nord Europa. Così vuole l’Unione Europea, ovvero fare come successo in Italia tanto tempo fa: svuotare e desertificare il Sud in favore di manodopera professionalizzata a basso costo per il Nord.

Quelli che rimangono sopravvivono come possono. Anche per questo, oltre a lottare per rompere la gabbia UE serve demolire il mito dell’Unione europea buona, moderna, dei popoli.

Questa, più che una favola come altre che ci hanno raccontato, è la vera e propria balla del secolo.

Francesco Valerio Della Croce, Segretario Nazionale FGCI

Fonte L’Antidiplomatico 

Precedente ALDO MORO RITENEVA CHE DIETRO IL SUO RAPIMENTO C'ERA LA TRILATERALE DI DAVID ROCKEFELLER

Lascia un commento

*