EX UFFICIALE CIA:  ATTENTATI? ISIS?  “STORIE PRODOTTE DA UN PICCOLO NUMERO DI PERSONE”

Viviamo in un’epoca in cui i governi occidentali sostengono una completa trasparenza, eppure puniscono gli informatori che vengono avanti per rivelare informazioni importanti e che il pubblico ha il diritto di conoscere. Il mondo sta morendo per le informazioni, per questo che abbiamo anime coraggiose come Edward Snowden e Julian Assange (per citarne alcuni), facendo il lavoro che stanno facendo. Nel corso degli ultimi anni abbiamo visto molti addetti ai lavori condividere le informazioni al fine di educare le masse su quello che sta realmente accadendo sul nostro pianeta. In poche parole, la nostra parola è avvolta dal segreto. Secondo le stime di alcuni storici, gli Stati Uniti classifica più di 500 milioni di pagine di documenti ogni anno, che è il motivo per cui organizzazioni come Wikileaks, e informatori provenienti da varie agenzie, rimangono così importanti per tutti noi.

 

“La verità è che non c’è nessun esercito islamico o gruppo terrorista chiamato Al-Qaeda, qualsiasi agente dei servizi segreti informato lo sa. Ma, c’è una campagna di propaganda per far credere al pubblico, in presenza di una entità intensificato che rappresenta il ‘diavolo’ solo al fine di guidare telespettatori ad accettare una leadership internazionale unificata per una guerra contro il terrorismo. Il paese dietro questa propaganda sono gli Stati Uniti. “

– L’ex ministro degli esteri britannico            Robin Cook

 

Ho condiviso questa citazione più volte. Esso rivela una verità che vari politici, accademici e altri professionisti del settore hanno cercato di imprimere su di noi per anni: la guerra al terrore è una fabbricazione. Si basa su false premesse e usata per giustificare l’invasione di altri paesi per secondi fini. Naturalmente, questa è una prospettiva che non vedrai mai sulle notizie mainstream.

cia-759x500

La persona che recentemente sta facendo rumore è Amaryllis Fox, un ex ufficiale di servizio clandestino della CIA. Quando era un adolescente ha lavorato con il movimento democratico birmano, dove per un breve periodo è stata rinchiusa in una prigione birmana, all’età di 18 anni ha poi sviluppato un algoritmo per prevedere attività terroristiche sotto tesi consulente Dan Byman, un pensatore di primo piano contro il terrorismo e politica di sicurezza degli Stati Uniti all’Università di Oxford. Subito dopo, ha iniziato a lavorare come analista politico e il terrorismo per SE Asia, pendolare tra Langley e Georgetown per finire la laurea nel 2004. Dopo la laurea, si è trasferita nel programma di formazione operativa del servizio ufficiale all’estero, per circa il 10 anni.

Offre un commento sulla retorica terrorismo che spicca davvero: “Queste sono le storie prodotte da davvero un piccolo numero di persone su entrambi i lati e che servono ad accumulare una grande quantità di potere e ricchezza convincendo il resto del mondo  ad uccidersi a vicenda: Lei parla di ‘terrorismo false flag,’ l’idea che le attività terroristiche siano create, o che ‘terroristi’ sono costretti in certe situazioni, è un lavaggio del cervello, delle agenzie militari e di intelligence occidentali, al fine di convincere le masse che c’è una costante minaccia terroristica. Che siamo messi l’uno contro l’altro di proposito da un piccolo gruppo di persone dell’elite  che hanno enorme potere.

By La verità di Ninco Nanco

 

Precedente TRUMP ANNUNCIA CHE CANCELLERA’ IL TTIP E IL TTP (SARÀ VERO?)  Successivo Legge di Bilancio, spariscono i 50 milioni per l’assistenza sanitaria causata dall’Ilva. Emiliano: “Ci avevo creduto, dal governo una botta”