E. S. Curtis – L’unico bianco che inquadrò davvero gli Indiani d’America – Documentazione fotografica e artistica – II parte

Tratto da tonykospan21.wordpress.com

L’unico uomo che con coraggio e bravura
si dedicò ad una fatica improba
di ricerca e documentazione fotografica
girando in lungo ed in largo per tutto il Nord America
per conoscere e fotografare usi e costumi dei nativi.
EDWARD SHERIFF CURTIS
L’UNICO BIANCO CHE DAVVERO INQUADRO’
GLI INDIANI D’AMERICA
By Tony Kospan
Edward Sheriff Curtis
BREVE BIOGRAFIA
Nato a Whitewater (Wisconsin) piccola cittadina alla confluenza di due fiumi – il Whitewater Creek e lo Spring Brook il 16 febbraio 1868 dopo un’infanzia tranquilla iniziò ad accompagnare il padre, predicatore e veterano della guerra di Secessione, in canoa per raggiungere i paesi in cui doveva tenere i sermoni.
 Foto:
Nel 1885 si costruì la prima macchina fotografica.
Ebbe quindi diverse esperienze fotografiche e partecipò a diverse spedizioni scientifiche.
Ben presto il suo amore per lo studio dei Nativi americani ed il desiderio di documentarne cultura… abitudini ed identità delle varie tribù mentre il loro destino di protagonisti della storia si avviava al crepuscolo fu irrefrenabile.
Foto:
La sua lunghissima e continua attività di pioniere dalle fredde lande dell’Alaska a quelle aride del Messico lo portò a conoscere a fondo la vita degli Indiani d’America diventando anche amico di diversi capi che gli consentirono di effettuare fotografie irripetibili ed affascinanti.
Questa sua instancabile attività ebbe diversi finanziatori tra cui Theodore Roosevelt, Andrew Carnegie ed i reali di Inghilterra e Belgio.
La collana fotografica che ne derivò ebbe grandissimi riconoscimenti, fin dal primo volume del 1906, ma gli costò problemi psicologici e la sua rovina economico-familiare.
Foto:
Le gravi difficoltà economiche però ed i problemi finanziari non gli consentirono, dopo il 1930, di proseguire nella sua libera attività ma dovette accontentarsi di collaborare con altri studi… ed anche di fare il cameraman per Cecil B. DeMille, per il quale avrebbe collaborato anche alle riprese del film I dieci comandamenti.
Morì il 21 ottobre 1952 a quasi 85 anni e poco prima che fosse pubblicata la sua autobiografia.
Foto:
QUALCHE CONSIDERAZIONE SULLA SUA OPERA
La ricerca storico-documentaristico-fotografica di Edward Sheriff Curtis ha coinciso con il crepuscolo di una epopea, l’epopea del vecchio west e del popolo pellerossa, e ne è fedele nonché ampia ed unica vera testimonianza.
Egli era così consapevole di quanto stava accadendo (la fine di una storia e di una civiltà) che svolse con grande senso di responsabilità un’attività frenetica per documentare la vita e la cultura del popolo pellerossa riprendendo cerimonie, momenti di vita e di lavoro, volti e luoghi.
Infatti scrisse che secondo l’uso pellerossa il suo nome doveva essere
“Uomo che non ebbe mai tempo per giocare”.
Foto:
Davvero non possiamo non ringraziarlo per la sua incredibile e faticosissima ricerca che lo portò
a percorrere quasi 65.000 chilometri, utilizzando per i suoi spostamenti lungo terreni impervi e veloci corsi d’acqua i mezzi più diversi… dal treno, alla canoa, dai carri ai cavalli ed alle marce a piedi.
Foto:
F I N E

Fonte tonykospan21.wordpress.com

Precedente 200.000 morti l’anno a causa dei pesticidi nel cibo, ma la gente continua a preferire il bello al sano Successivo I TESTIMONI DI GEOVA SONO UNA CREATURA DEI ROTHSCHILD?