“Distruggila Gesù sta malarazza” Verso di un antico canto di protesta siciliano

Oggi grazie a Internet le informazioni circolano più velocemente e in maniera più leggera rispetto al passato per cui anche senza avere profonde conoscenze di meridionalismo e grazie alla musica possiamo immergerci senza troppe difficoltà in atmosfere lontane che son però più vicine di quanto abbiamo sempre pensato.

In questi giorni una canzone popolare siciliana mi ha letteralmente affascinato. Si tratta di “Malarazza”, un canto dell’800 riproposto da Modugno in passato e più recentemente da Roy Paci in chiave moderna.

La Malarazza, è intuibile dal nome, è tutta la gente che vive sfruttando con cattiveria e cinismo la povera gente e gli indifesi.

Di questa canzone esistono tre versioni. La prima, più cruda, fu censurata dalla Chiesa perchè contro i suoi precetti e fu riproposta leggermente stravolta e distorta per evitare ulteriori censure.

 

Testo originale

Un servu, tempu fa, di chista piazza            cussì priàva a Cristu e nci dicìa:               “Signuri ‘u me patruni mi strapazza,                  mi tratta comu un cani pi la via,                    tuttu mi pigghia cu la so’ manazza                      la vita dici chi è mancu la mia.

Si jeu mi lagnu cchiù peju m’amminazza          chi ferri mi castja a prigiunia.                        Undì jò mo ti prejiu ‘sta malarazza    distruggimmilla Tu, Cristu, pi mmia      distruggimmilla Tu, Cristu, pi mmia”.

“E tu forsi chi hai ciunchi li vrazza,              oppuru ll’ha ‘nchiovati com’a mmia?                  Cu voli la giustizia si la fazza                            non speri ch’autru la fazza pe ttia.

Si tu si omu e non si testa pazza                  metti a profittu ‘sta sintenzia mia.
Jò non sarrìa supra sta cruciazza              s’avissi fattu quantu dicu a ttia!

Questa è invece la risposta nell’edizione ‘riveduta e corretta’ come chiedeva la stessa chiesa perché non poteva passare il messaggio “chi vuole giustizia se la faccia” ritenuto troppo “ribelle” forse, o forse perché non poteva lanciare messaggi troppo rivoluzionari al popolo, nel testo rivisitato cambiano soltanto gli ultimi versi: 

“E tu chi ti scurdasti, o testa pazza,                chiddu ch’è scrittu ‘nta la Liggi mia?          Sempri in guerra sarà l’umana razza                  si cu l’offisi l’offisi castija!

A cu l’offenni, lu vasa e l’abbrazza                       in Paradisu sidirai ccu mia:                            m’inchiuvaru l’ebrei ‘nta sta cruciazza:            cielu e Terra disfari putia!”

 

Molte versione sono state prodotte negli anni, ripresa da tantissimi cantanti da nord a sud, mi limiterò a pubblicare qui solo due versioni che tra l’altro sono quelle che preferisco. La prima è la versione pubblicata dal grande Domenico Modugno nel 1976.

Qui la versione moderna di Roy Paci con un ritmo coinvolgente, consiglio l’ascolto, attenzione può creare “indipendenza”

 

I commenti sono chiusi.