Chiesa cattolica dona $ 850.000 per fermare la legalizzazione della marijuana

Nella speranza non di abbattere le pareti della proibizione della marijuana nello stato del Massachusetts, il Boston Arcidiocesi ha contribuito con un enorme cifra di $ 850.000 alla campagna anti-marijuana dello Stato nella speranza di sabotare la legalizzazione.

Secondo il Boston Globe, l’Arcidiocesi è oggi uno dei principali contributori nella lotta per evitare l’iniziativa dello Stato che renderà la marijuana legale in un modo simile a Colorado. I contributi della chiesa ora rappresentano circa il 50 per cento delle donazioni per contrastare gli sforzi legalizzazione dello Stato nel 2016.

Fa riflettere il fatto che l’arcidiocesi detiene la questione tra le sue massime priorità”, ha dichiarato Terrence Donilon, un portavoce per l’arcidiocesi, quando gli viene chiesto dal Globe per la donazione. “E ‘un riconoscimento del fatto che, se approvata, la legge avrebbe un impatto significativamente negativo sulle nostre parrocchie, i nostri ministeri”.

È interessante notare che, nel corso di un incontro la scorsa settimana con più di 40 leader interreligiosi, il cardinale Sean P. O’Malley ha detto che l’arcidiocesi avrebbe donato una piccola somma di denaro per la campagna per un Massachusetts sicuro e sano, nel tentativo di aiutarli a combattere tutto questo affare di legalizzazione. Ma poi in seguito è venuto fuori e ha detto che la chiesa avrebbe dato una notevole quantità di denaro al gruppo “per impressionare  le persone che stiamo cercando di aiutare”.

Tutti i fondi dovrebbero essere spesi per una campagna pubblicitaria dell’ultimo minuto destinato a fermare gli elettori dal raccordo con l’iniziativa – una proposta che permetterebbe gli adulti di comprare marijuana al dettaglio nello stesso modo in cui fanno con la birra.

I sostenitori della legalizzazione ritengono che la Chiesa cattolica non è riuscita a prendere in considerazione esattamente ciò che fa il divieto, cioè danneggiare le comunità.

“L’arcidiocesi ha messo a punto una posizione che, francamente, pensiamo si basa su ipotesi infondate e scienza spazzatura”, Jim Borghesani, un portavoce per SI, ha detto al Globe. “Quello che penso che all’arcidiocesi manca è il terribile danno che il divieto ha fatto alle persone, le persone che hanno scelto una sostanza (Marijuana) meno pericolosa di alcol, hanno avuto le loro vite rovinate perché sono state arrestate.”

Manca poco prima che gli elettori vadano alle urne per decidere se il Massachusetts deve creare un mercato legale per la marijuana o no. Purtroppo, gli ultimi sondaggi del Suffolk University / Boston Globe  indicano che potrebbe essere una gara tirata, con solo il 49 per cento a favore del Si.

Mentre l’ultima indagine su scala nazionale mostra il supporto per la legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti in un tempo elevato del 60 per cento.

 

Articolo tradotto a cura di: La verità di Ninco Nanco

Fonte in inglese: merryjane.com

 

Precedente La Bolivia espelle Coca-Cola e McDonalds: "Un piccolo passo per l'uomo, un balzo gigantesco per l'umanità" Successivo Intolleranza al grano, non è il glutine ma il pesticida Roundup di Monsanto!